Misofonia: indagini fisiologiche e descrizioni di casi [Parte II]

misofonia-indagini-fisiologiche-1

Dopo aver riportato la prima parte di questo saggio di Miren Edelstein, David Brang, Romke Rouw, e Vilayanur S.Ramachandran, proseguiamo con la seconda parte del loro studio sulla misofonia.

ESPERIMENTO 2

Introduzione

Valutazioni qualitative dei soggetti misofonici hanno dimostrato l’associazione coerente tra suoni specifici e intense esperienze emozionali. Al fine di confermare la presenza di queste reazioni emotive ed esaminare in seguito il loro rapporto con il suono delle preferenze presente nella popolazione generale, abbiamo misurato la risposta di conduttanza cutanea (SCR) mentre i partecipanti misofonici e gli individui in genere sono stati esposti a stimoli uditivi non avversivi, visivi e uditivo-visivi. La SCR misura la conduttanza elettrica della pelle e di conseguenza la quantità di sudore. Poiché la produzione di sudore non è sotto controllo volontario, la SCR è ampiamente accettata per indicare l’eccitazione del sistema nervoso simpatico. Per queste ragioni, riteniamo che la SCR sia un metodo appropriato per misurare l’eccitazione autonoma a vari stimoli, ed emozioni che provoca.

Materiali e metodi

1. Partecipanti
Sei soggetti misofonici che avevano partecipato anche all’Esperimento 1 (2 maschi e 4 femmine; età media = 22,8 anni, range = 19-30) e a cinque controlli (età media = 22 anni; range = 19-29) raggruppati per età e sesso hanno partecipato all’esperimento. Un sesto controllo è stato escluso a causa di un errore durante la raccolta dei dati. I controlli sono stati fatti dagli studenti presso l’Università di California, San Diego. Tutti i partecipanti hanno riferito di avere un udito e una vista normali, hanno firmato un consenso informato prima dell’esperimento, e hanno partecipato sia per contanti che completando il corso su richiesta. Lo studio è stato esaminato e approvato dal Programma della Protezione della Ricerca Umana dell’università. Il tempo totale impiegato per l’esperimento è stato meno di un’ora.

misofonia-studio-di-casi2. Procedura e stimoli
I partecipanti erano seduti alla distanza di 20 pollici da un monitor di 18 pollici e forniti di auricolari Sennheiser®. Le registrazioni SRC sono state acquisite con il BIOPAC System (MP100A-CE) e il software di resgistrazione AcqKnowledge 4.1. Una coppia di elettrodi Ag-AgCl sono stati attaccati sul dorso della mano dominante di ogni partecipante, e precisamente in direzione del dito medio e anulare. Prima di attaccare tali elettrodi, le mani dei partecipanti sono state pulite con un batuffolo imbevuto di alcool e un gel di conduttanza per la pelle è stato applicato a ciascun elettrodo. Le SCR sono state registrate in una micro Siemens ad una velocità di 30 campioni al secondo. I partecipanti sono stati istruiti a rilassarsi con il palmo della mano dominante posta sulla loro coscia per minimizzare i movimenti per tutta la durata dell’esperimento. La SCR è stata esaminata nei soggetti prima del test sperimentale; l’assenza di una risposta normale ha precluso la partecipazione dei soggetti nel resto dello studio.
Gli stimoli comprendevano 31 video clip sia presi da YouTube che registrati in laboratorio. I contenuti video variavano in modo da coprire una gamma di suoni e prevedere le risposte emotive dei soggetti misofonici, selezionati sulla base dei dati delle interviste dell’ Esperimento 1. Per fare alcuni esempi degli stimoli utilizzati, essi includevano il canto degli uccelli, la risata di bambini, il canto delle balene, lo stridio delle unghie su una lavagna, lo schiocco di labbra, la masticazione della chewing-gum, ecc. Ogni clip è durata circa 15 secondi. Componenti uditivi e visivi di questi video sono stati separati per generare condizioni solo uditive, solo visive, e uditive e-visivo. Ogni stimolo uditivo, visivo, uditivo e visivo è stato presentato una sola volta per un totale di 93 prove. L’ordine di prova è stato randomizzato in due ordini e l’ordine è stato controbilanciato tra i partecipanti. Criticamente, così come ogni video specifico è stato presentato per un totale di tre volte (una volta per ogni condizione uditiva, visiva e uditivo-visiva), un ordine coerente della presentazione di ogni stimolo è stato mantenuto per ogni tipo: solo uditivo, solo visivo, seguito da quello uditivo-visivo. Gli stimoli sono stati presentati con la versione 2.0 dell’E-Prime®.
In ogni prova, per circa cinque secondi i partecipanti hanno visionato una croce di fissaggio presentata centralmente e poi hanno fatto seguire un clip uditivo (A), uno visivo (V), o uno uditivo-visivo (AV) per circa 15 secondi, concludendo con un intervallo di 10 secondi. Durante questo intervallo di 10 secondi, i soggetti hanno fornito una valutazione verbale avversiva su una scala 0-4 sulla base di quanto disagio hanno vissuto in risposta al processo precedente. I partecipanti sono stati informati che un punteggio di 0 avrebbe significato “nessun disagio” a tutti gli stimoli e un punteggio di 4 avrebbe significato una quantità estrema di disagio, ansia, o il bisogno di lasciare la stanza. Ogni valutazione di avversione ovviamente è stata registrata dallo sperimentatore.

misofonia-indagini-fisiologiche-e-descrizioni-di -casi
3. Elaborazione dei dati

Quando i nostri stimoli sono stati presentati in rapida successione, è stata osservata una tendenza lineare al ribasso durante la sessione di registrazione. Per tenere conto di questo manufatto, regressioni lineari separate sono state montate sul periodo di determinazione di 5 secondi all’inizio di ogni prova attraverso una linea di regressione. Ogni valore osservato durante le stimolazioni è stato ri-tracciato come residuo di questa linea riguardante la miglior resa, normalizzando per il periodo di pre-stimolo di riferimento e rimuovendo le tendenze artefatte presenti su tutto il periodo.

4. Analisi dei dati

L’insorgenza della SCR è stata interrotta con il pre-stimolo della croce di fissaggio. La media della SCR è stata calcolata di 15 secondi per ogni stimolo d’ogni prova, dopo la croce di fissaggio. I valori medi di oltre tre deviazioni standard dalla media SCR, attraverso tutti gli studi per ogni partecipante, sono stati considerati valori anomali e di conseguenza sono stati rimossi dal set di dati; una media del 1,9% delle sperimentazioni per partecipante sono state rimosse.

5. Le analisi statistiche

In primo luogo, abbiamo condotto misure ripetute di ANOVA attraverso fattori di gruppo (controlli misofonici), di misurazione (SCR, valutazione soggettiva dell’avversione), e di condizione (uditivo, visivo, uditivo-visivo) per osservare gli effetti complessivi. Ulteriori controlli ANOVA, campioni di test non parametrici indipendenti e analisi descrittive sono state condotte per esplorare le differenze di gruppo. Correlazioni di controlli periodici hanno rivelato ulteriori differenze di gruppo, nonché somiglianze. Sono state utilizzate correzioni Greenhouse-Geisser nel momento in cui sono servite, ma noi riportiamo i gradi originali per maggior chiarezza.

RISULTATI

Effetti complessivi di gruppo

Così come in un esame globale dei dati, abbiamo condotto ripetute misure ANOVA con fattori di gruppo, di misurazione, e di condizione. I risultati hanno mostrato significativi effetti principali del gruppo [F(1, 9) = 17.5, p < 0.005], di condizione [F(2, 18) = 47.3, p < 0.001], e di misurazione [F(1, 9) = 48.5, p < 0.001], nonché le interazioni significative tra gruppo × condizione [F(2, 18) = 18.8, p < 0.005], gruppo × misurazione [F(1, 9) = 13.7, p < 0.01], misurazione × condizione [F(2, 18) = 40.5, p < 0.001], e gruppo × misurazione × condizione [F(2, 18) = 16.2, p < 0.005].
Tuttavia, poiché l’obiettivo primario di questo studio era di esaminare le risposte unisensoriali agli stimoli in entrambi i gruppi, le prove successive mirate agli effetti di gruppo hanno escluso le prove multisensoriali (uditivo-visiva) e hanno compreso le condizioni solo uditive e solo visive.

Se cliccate qui potete vedere un grafico che mostra i dati SCR dei medi soggetti misofonici e del loro controllo in condizioni uditive e visive in funzione del tempo. Ripetute misure ANOVA con fattori di gruppo, misurazione, e condizione, sono stati identificati significativi allo stesso modo degli effetti principali del gruppo [F(1, 9) = 14.3, p < 0.005], condizione [F(1, 9) = 47.5, p < 0.001], e misurazione [F(1, 9) = 40.7, p < 0.001], nonché le interazioni significative tra gruppo × condizione[F(1, 9) = 17.5, p < 0.005], gruppo × misura [F(1, 9) = 10.1, p < 0.05], misurazione × condizione [F(1, 9) = 16.1, p < 0.005], e del gruppo × misurazione × condizione [F(1, 9) = 16.1, p < 0.005]. Questo complesso ANOVA ha convalidato l’uso delle ulteriori periodiche analisi per verificare ipotesi specifiche.

tabella-1-misofonia-indagini-fisiologiche

Differenze tra i gruppi
Abbiamo condotto ulteriori ripetute analisi ANOVA con fattori di gruppo e condizione, prima per soggettivi su cui è stata valutata la reazione avversiva. I risultati hanno mostrato gli effetti principali del gruppo [F(1, 9) = 12.4, p < 0.01] e condizione [F(1, 9) = 46.5, p < 0.001], e criticamente un’interazione tra i due [F(1, 9) = 17.1, p < 0.005] sostenendo le differenze tra i gruppi (cliccate qui per vedere lo schema di riferimento, in particolare la figura 2A). Questa differenza tra i gruppi è dovuta principalmente ai controlli raramente valutati degli stimoli maggiori di 2 sulla scala di avversione da 0 a 4 (vedere lo schema cliccando qui). Esaminando questo modello per i dati SCR, si è prodotto un modello simile di risultati con gli effetti principali del gruppo [F(1, 9) = 6.77, p < 0.05] e condizione [F(1, 9) = 11.9, p < 0.01], e un’interazione marginalmente significativa tra i due [F(1, 9) = 4.53, p = 0.06] (vedere la figura 2B di questo schema).

Data la piccola dimensione del campione di questi gruppi, ulteriori analisi non parametriche di campioni indipendenti di Mann-Whitney U-test sono state utilizzate per confrontare gruppi attraverso queste condizioni critiche. I misofonici hanno riportato valutazioni significativamente superiori rispetto ai soggetti che hanno risposto agli stimoli uditivi, U(9) = 29.0, p < 0.01, ma non agli stimoli visivi, U(9) = 23.5, p = 0.13. Il punteggio medio delle prove uditive è stato di 1.82 (SD = 1.38) per i misofonici e di 0.42 (SD = 0.77) per i controlli, mentre la valutazione mediana delle prove visive è stata di 0.29 (SD = 0.98) per i misofonici e di 0.19 (SD = 0.55) per i controlli. Questo modello di risultati è stato coerente con le risposte SCR, con i misofonici ha prodotto grandi risposte SCR rispetto ai controlli agli stimoli uditivi, U(9) = 28.0, p < 0.05, ma non a quelli visivi, U(9) = 21.0, p = 0.33. L’SCR mediana di prove uditive è stata di 0,15 micro Siemens (SD = 0.40) per i misofonici e 0,03 micro Siemens (SD = 0.11) per i controlli, mentre la SCR mediana di prove visive è stata di 0,07 micro Siemens (SD = 0.39) per i misofonici e di 0.00 micro Siemens (SD = 0.08) per i controlli. Lo stesso modello di risultati per questi test è stato osservato con campioni parametrici di t-test indipendenti.
Al fine di determinare se un’alta SCR è direttamente correlata con alte valutazioni avversive, abbiamo esaminato le valutazioni avversive di singoli soggetti rispetto alla attività media SCR di tutte le prove uditive, visive, e uditivo-visive. I risultati hanno identificato una correlazione positiva significativa tra la media valutazione avversiva e la media SCR in tutti i partecipanti , indicando che gli stimoli soggettivamente pensati come repulsivi generalmente hanno evocato una SCR proporzionale.

Somiglianze del gruppo
Siccome un esame che valuti se gli stimoli che innescano le esperienze avverse in individui misofonici sono idiosincratiche alla condizione o coerenti ad essa, invece di valutare le preferenze presenti nella popolazione generale, si è preferito esaminare la coerenza delle valutazioni attraverso i gruppi. I risultati hanno indicato una correlazione positiva significativa tra i misofonici e il controllo delle avversioni valutate in tutti e tre i tipi di stimoli, (rs = 0.605, N = 93, Z = 5.80, p < 0.001); questa correlazione è inoltre addizionalmente presente quando esaminando la correlazione tra i gruppi per le sole prove uditive, (rs = 0.413, N = 31, Z = 2.26, p < 0.05; vedere lo schema di riferimento cliccando qui) suggerendo che i misofonici trovano che gli stimoli simili siano repulsivi e non avversivi.

Discussione
L’Esperimento 2 fornisce, al meglio delle nostre conoscenze, la prima indagine sperimentale sulla misofonia, che serve per convalidare la gravità di questa condizione cronica indescrivibile. Soggetti misofonici hanno valutato gli stimoli uditivi come più avversivi degli stessi stimoli visivi, e questo modello è stato coerente con le misure SCR. Inoltre, la SCR e le valutazioni soggettive agli stimoli uditivi sono stati maggiori nei soggetti misofonici rispetto ai controlli, sostenendo la specificità delle reazioni avverse nella misofonia. Tuttavia, i soggetti misofonici hanno dimostrato un aumento delle classificazioni e della SCR indipendentemente dal tipo di stimolo, come rivelato dai molti effetti osservati nel gruppo, probabilmente denotando un’ ansia generale agli stimoli utilizzati nel presente studio.
La correlazione positiva tra la media delle avversioni valutate e la media SCR in tutti i partecipanti ha confermato soprattutto la validità della valutazione di ciascun soggetto durante il compito. Pertanto, le risposte fisiologiche dei partecipanti agli stimoli sono stati coerenti con le loro valutazioni soggettive. Tuttavia, questa correlazione positiva sembra più probabilmente guidata dalle differenze di gruppo fra i misofonici, (rappresentati in verde) e i controlli (rappresentati in blu).
La correlazione positiva tra la valutazione dell’avversione dei misofonici e la valutazione dell’avversione del controllo riflette un accordo generale della relativa valenza degli stimoli che inducono attraverso i gruppi. In altre parole, i misofonici e i controlli a trovano a livello soggettivo repulsivi e non avversivi stimoli simili, suggerendo che i misofonici possono sperimentare una forma estrema individuale di disagio a stimoli normalmente avversi o irritanti. Ciò solleva la possibilità importante che non ci sia niente di intrinsecamente diverso tra individui misofonici e quelli della popolazione generale e che gli individui misofonici sono semplicemente alla fine della coda della distribuzione.

FONTE DELLE INFORMAZIONI:
NCBI

FONTE DELL’IMMAGINE:
noiGiovani.it, PARKINSON ITALIA, scai

di Monia De Tommaso

Annunci

Un pensiero su “Misofonia: indagini fisiologiche e descrizioni di casi [Parte II]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...