Grazie

misofonia

Cari lettori, non scoraggiatevi ma lottiamo per trovare una soluzione!
Chiunque voglia raccontare la propria esperienza (anche in anonimato) può contattarci. La vostra testimonianza è importante!

Sono sinceramente in lacrime in questo momento! Ho finalmente capito che cosa c’è di sbagliato in me. Se lo avessi saputo prima, avrei evitato molti scontri con la famiglia e il mio ex. Per molto tempo ho pensato  che fossi solo una stronza, che scatta su tutti, conseguentemente a determinati rumori o movimenti ripetitivi … poi ho iniziato ad imitare e da allora sono stata meglio.

Ci sono momenti in cui voglio solo scuotere la persona, o gettare qualcosa dall’altra parte della stanza, a causa di un suono che è stato costante, e arrivo al punto in cui vorrei solo fermarmi, lasciare quello che sto facendo e stringere i pugni per evitare di urlare o rompere qualcosa, o picchiare qualcuno.

È davvero spaventoso. È come se il pulsante finale fosse spinto così in fretta che non si possa nemmeno pensare di fare altro che scattare o semplicemente andare fuori di testa. La digitazione su tastiera,  respirazione, il click della penna a scatto!! Dio mio, vorrei consegnare esami con le risposte vuote solo per poter uscire dall’aula in cui qualcuno batte il piede o clicca la penna.

In realtà andrò dal mio medico la prossima settimana perché sono più di un milione per cento convinta di cosa c’è di sbagliato con me adesso. Speriamo che questa sensibilità venga ulteriormente studiata e ottenga il riconoscimento che merita, perché, ad essere onesti, si potrebbe risparmiare un sacco di situazioni sgradevoli e si potrebbe ritornare ad avere normali relazioni.

A volte, si è così stufi di come le cose facciano impazzire che si desidera scomparire solo perché nessuno capisce la nostra irritabilità. Grazie ancora.

NB: Il materiale qui pubblicato è già di dominio pubblico o si trova su Misofonia UK. Tutte le informazioni sono state date da persone reali, anche se riportate in forma anonima.

Se vi interessa leggere anche altre testimonianze allora cliccate qui.

FONTE DELLE INFORMAZIONI:
Misophonia UK

FONTI DELLE IMMAGINI:
la rete

di Monia De Tommaso

Annunci

“Quell’orologio!”

misofonia-ticchettio-orologio

Cari lettori, non scoraggiatevi ma lottiamo per trovare una soluzione!
Chiunque voglia raccontare la propria esperienza (anche in anonimato) può contattarci. La vostra testimonianza è importante!

Sono così felice di leggere delle notizie su quest’argomento! Pensavo di essere pazzo. Mia moglie pensa che io lo sia, così come molti dei miei amici. Tutta la mia vita l’ho passata concentrato su suoni che mi disturbano molto. La gomma da masticare al lavoro è stata la peggiore. Non riesco a concentrarmi sul mio lavoro. Ho giusto trovato me stesso in attesa del successivo scoppio di una gomma.

Mia moglie ha ricevuto un regalo di laurea dai suoi genitori, un orologio a pendolo oscillante.

Ci siamo sposati a 35. Appese l’orologio nella sala da pranzo. Sentivo i ticchettii dell’orologio…. ogni singolo ticchettio. Ho scoperto che, mentre guardo la TV, perdo presto interesse per il programma, perché mi perdo qualcosa della conversazione o il dialogo. Perché? Ero concentrato sul ticchettio dell’orologio. In realtà, nella mia mente vorrei cercare di trovare un difetto nel ticchettio dell’orologio contando i secondi tra ogni tick per vedere se l’orologio va fuoritempo.

Tick (mille e uno, 1002), tac (mille e uno, 1002), cercando di vedere se lo spazio di tempo tra ogni tick è stato lo stesso, dimenticando quello che stavo guardando e sentendo in TV. Accade lo stesso con la lettura di un libro. Ho scoperto che, invece di concentrarmi sul libro, leggo pagine senza sapere quello che sto leggendo costringendomi ad iniziare le pagine daccapo. Pensavo di essere un pazzo. Ho cercato di ficcare del cotone sul retro dell’orologio, perchè non ticchettasse così forte. Non ha funzionato, così abbiamo dovuto fermare l’orologio e utilizzarlo per un ornamento della parete. Mi sentivo così male per mia moglie. Amava quell’orologio. Vorrei provare a farlo ripartire di nuovo, ma non mi farà diventerà meglio.

Potrei andare avanti e avanti con altri suoni, ma questo è stato il mio più fastidioso.

Dennis, Pittsburgh PA

FONTE DELLE INFORMAZIONI:
MisophoniaUK

FONTE DELL’IMMAGINE:
la rete

Se vi interessa leggere anche altre testimonianze allora cliccate qui.

di Monia De Tommaso

 

Trovare questo sito mi ha spronato a cercare aiuto

misofonia-sito-internet-aiuto

Cari lettori, non scoraggiatevi ma lottiamo per trovare una soluzione!
Chiunque voglia raccontare la propria esperienza (anche in anonimato) può contattarci. La vostra testimonianza è importante!

Sono riuscito a conservare il mio lavoro a tempo pieno per tutta la vita. Certi giorni non è troppo male, ma altre volte possono trascorrere intere giornate in cui mi sento arrabbiato, stressato, ansioso e talvolta scoppio in lacrime. Ciò può portarmi a reagire bruscamente nei confronti dei colleghi se non faccio un grande sforzo per “essere piacevole a dispetto del desiderio che provo di uccidere qualcuno”. Ora ho 49 anni  e, nel corso degli ultimi anni, i miei sintomi sono peggiorati, con un collegamento ormonale preciso ai peggiori attacchi. Mi piace stare con la gente, ma mi sento in ansia a stare con le persone che conosco perché dei suoni scatenanti mi fanno diventare come “iper vigile”. Ho anche notato che le situazioni in cui mi sento “accerchiato” e incapace di fuggire da un rumore mi va provare sintomi decisamente peggiori, ad esempio, come quando sono in una macchina o seduto ad un tavolo con la gente. Se i miei tentativi di aumentare il rumore di fondo, con l’aggiunta di musica / radio / ventilatori elettrici, ecc, sono contrastati, mi possono assalire livelli di panico molto alti.

Ho solo incontrato un’altra persona ‘cattiva’ come me. Lui sembra affrontare meglio la situazione ed è molto più in grado di discuterne con i colleghi di quanto lo sia io. Trovare questo sito mi ha spronato a cercare di ottenere qualche aiuto, finalmente.

FONTE DELLE INFORMAZIONI:
MisophoniaUK

FONTE DELL’IMMAGINE:
la rete

Se vi interessa leggere anche altre testimonianze allora cliccate qui.

di Monia De Tommaso

Opzioni di trattamento: il punto di vista del padre di un paziente

papà-di-ragazzina-misofonica-testimonianza-sulle-opzioni-di-trattamento

Ciò che seguirà è stato pubblicato su un gruppo di Misophonia.com dal padre di una persona misofonica. Sul sito originale, la testimonianza è stata pubblicata con il suo permesso ed è riferito che è possibile riportarla altrove purché si rimuova il suo nome.

Re: aiuto per la mia dodicenne
Ven 17 Gen 2014 10:59 (PST). Inviato da: xxxxx

Purtroppo, non credo che ci sia qualcosa là fuori con un’appurata alta probabilità di efficacia. Ci sono diverse persone che cercano una risposta risolutiva dalla cura di neurofeedback (NFB). I risultati hanno spaziato da alcuna reazione a quasi il 100% dell’eliminazione dei sintomi. Il NFB è difficile da valutare perché non è una tecnica particolarmente assodata e i risultati che si ottengono probabilmente dipendono molto dal medico. Inoltre, coloro che hanno segnalato il successo hanno fatto un sacco di sessioni (più di 80), mentre un tipico regime di trattamento NFB per altre malattie potrebbe essere di sole 20-40 sedute.

Se questi pazienti sono poi seguiti da un professionista diventa molto costoso. Alcuni medici sono a favore di un trattamento domestico che può rendere le cose molto più economiche. Almeno una persona ha riportato dei benefici utilizzando lo Zengar Neuroptimal, che è un tipo di neurofeedback che non si cura di essere specifico per una patologia ma sostiene di migliorare le prestazioni del cervello in maniera in generale.

Non è evidente a tutti come questo dovrebbe funzionare, e ci sono davvero pochi dati che sostengono la sua efficacia. Non trovo argomenti particolarmente interessanti quelli dell’omeopatia e numerologia, a cui un sacco di persone credono (io ovviamente le considero una sciocchezza). Non ho completamente respinto la possibilità che la formazione del cervello di Zengar possa aiutare, ma con mia figlia ho scelto di optare per la via classica del NFB.
La CBT e terapie simili sono state segnalate da molte persone per essere utili. Esse non eliminano la  misofonia ma possono renderla molto più facile da affrontare.
Penso che molte persone abbiano scoperto che raggiungere un buon rilassamento muscolare aiuti molto. Almeno un ragazzo si sente come se effettivamente la sua misofonia smetta di essere un problema per lui. Voglio che mia figlia provi questo.

Tom Dozier ha cercato un trattamento di contro-condizionamento e ha riportato un certo successo (ma non universale). Si può lavorare con le persone a distanza. Ha lavorato anche con un chiropratico che ha sviluppato una sorta di trattamento (non credo che si tratti di un approccio chiropratico classico, ma di qualche altra modalità che credo sia un concetto di Medicina Orientale). Su un piccolo campionario di pazienti, hanno riportato un grandioso miglioramento / eliminazione dei sintomi nei soggetti con moderata misofonia, così come c’è stata la mancanza di risposta in qualcuno con una grave misofonia.

Alcune persone hanno riferito di aver avuto benefici da vari farmaci (antidepressivi, farmaci per OCD, etc.), mentre altri non sono stati aiutati. Io credo che nel momento in cui la misofonia è grave o difficile da affrontare, questi farmaci aiutino a stabilizzare la condizione mentale in generale ma non ad agire direttamente sulla misofonia.

Mia figlia prende un SSRI e aiuta molto. L’alcol sembra essere utile per alcuni (tuttavia non abbastanza utile per il trattamento di una condizione).

Altri hanno cercato di modificare la dieta e gli integratori nutrizionali di vari tipi. Non ho davvero sentito abbastanza esempi interessanti da essere motivato a provare questi espedienti con mia figlia.

C’è un protocollo di trattamento di audiologici di base per la misofonia sul quale il dottor Johnson e altri hanno cercato e stanno cercando di raccogliere dati. Penso che questo comporti la consulenza e l’uso dei auricolari generatori di rumore per aiutare a mascherare i suoni scatenanti.

Sono davvero dispiaciuto di non poter puntare con più fiducia su qualsiasi altra cura. Purtroppo ci sono per lo più prove aneddotiche con pochi studi scientifici accurati. Personalmente, cerco di valutare i potenziali trattamenti dal punto di vista scientifico basato sull’evidenza. Non ho intenzione di provare cose che non riesco a immaginare come un meccanismo plausibile su cui lavorare (a meno che non vi siano una marea di persone che riferiscano il loro successo). Il NFB, per me, ha appena attraversato la soglia in quanto vi è un meccanismo plausibile di azione, e la sua efficacia su altre patologie è dimostrata in una quantità a malapena convincente di letteratura scientifica. L’approccio di Tom Dozier al trattamento della misofonia sembra ragionevole e mi piace che lui sia interessato a valutare obiettivamente la sua efficacia.

Buona fortuna.

 

FONTE DELLE INFORMAZIONI:
Misophoniatreatment

FONTE DELL’IMMAGINE:
la rete

Se vi interessa leggere anche altre testimonianze allora cliccate qui.

di Monia De Tommaso

Ho imparato a evitare le cose che mi preoccupano

misofonia-allontanare-lo-stress

Cari lettori, non scoraggiatevi ma lottiamo per trovare una soluzione!
Chiunque voglia raccontare la propria esperienza (anche in anonimato) può contattarci. La vostra testimonianza è importante!

Sono così felice di avere finalmente un nome per quello che mi ha fatto sentire così diverso da tutti gli altri per diversi anni! Sono un ragazzo di 16 anni e ho avuto a che fare con la misofonia da quando ne avevo 12. È venuta improvvisamente e subito dopo mi ha colpito la pubertà. Un certo rumore ha iniziato a darmi fastidio orribilmente. Poco dopo, una raffica di rumori che non avevo mai notato prima divenne insopportabile. Sentire un suono di innesco mi fa scattare una risposta di “lotta o fuga”, e può anche farmi sentire fisicamente male se l’ho sentito per troppo tempo.

Di recente, ho fatto un viaggio in auto e c’era un membro della famiglia che è stato continuamente a tagliarsi le unghie durante l’intera corsa (che è durata diverse ore). Con il tempo, nonostante fosse finita, ho avuto un mal di testa e nodi allo stomaco. La rabbia che sentivo verso quella persona che aveva fatto il rumore era insopportabile e decisamente irrazionale. Mi sento sempre in colpa dopo che la rabbia si raffredda, perché mi rendo conto che non ho davvero alcun motivo per essermie arrabbiato.

La cosa più strana di questo disturbo è che i miei familiari mi preoccupano molto di più degli stranieri, anche se gli stranieri stanno facendo gli stessi suoni di innesco. Per fortuna, ultimamente non mi hanno infastidito tanto. Ho imparato a evitare le cose che mi preoccupano, semplicemente perché questa è l’unica cosa che posso fare senza impazzire. Ho anche imparato un sacco di metodi di difesa.

I suoni all’aperto non mi disturbano, così mi piace fare lunghe passeggiate e trascorrere del tempo all’aperto (io vivo in una zona rurale.) Ascolto anche molto la musica e tengo sempre un ventilatore in funzione. La gravità sembra andare e venire. Ecco i miei suoni scatenanti: gli urti / tonfi, schiocco delle labbra, fischiettio, rutti, gemiti, grugniti, graffi, scatti ripetitivi. Provo anche odio quando le persone scuotono i loro piedi ripetutamente (a mio avviso), o strofinano il viso eccessivamente. Buona fortuna a tutti i misofonici là fuori. È bello sapere di non essere solo.

FONTE DELLE INFORMAZIONI:
MisophoniaUK

FONTE DELL’IMMAGINE:
la rete

Se vi interessa leggere anche altre testimonianze allora cliccate qui.

di Monia De Tommaso

La misofonia non è solo essere sensibili ai rumori della masticazione

misofonia-sensibilità-ai-suoni

Cari lettori, non scoraggiatevi ma lottiamo per trovare una soluzione!
Chiunque voglia raccontare la propria esperienza (anche in anonimato) può contattarci. La vostra testimonianza è importante!

Vorrei solo dire quanto sono felice di aver trovato questa condizione e questo gruppo. Non sono mai stato così felice di sapere che non sto impazzendo. La mia misofonia è continuamente peggiorata negli ultimi 4 anni. Non so come sono sopravvissuto al liceo e sono appena uscito vivo dal college. Essa ha inciso negativamente sui miei voti, i miei rapporti e la mia salute mentale. Mi fa sentire così bene tirare finalmente questo fuori dal mio petto!

Ho iniziato a notare la mia condizione in giovanissima età, a tavola. Il suono della masticazione è il mio fattore scatenante primario. Ogni parte della masticazione, il scricchiolio dei denti, lo schiocco del cibo, lo sfrigolio dei denti. Non riuscivo a sopportare il rumore della mia famiglia durante i pasti. Non posso dire come molti conflitti siano iniziati nella mia famiglia con i miei genitori e i miei fratelli sulle loro abitudini alimentari. Ma non riuscivo a controllare la rabbia che quei rumori mi causavano. Solevo dire che non avevo fame perché non riuscivo a gestire l’ansia di sedermi ai pasti. Mi sarebbe piaciuto provare a finire la mia cena per primo. Tuttavia, se non potevo finire ero sul punto di scoppiare dalla rabbia, lasciavo il tavolo e volevo terminare il mio pasto.

Sento che la mia misofonia è diventata completamente fuori controllo. A scuola media ho iniziato a notare che non riuscivo a concentrarmi in classe a causa di persone che masticavano gomme da masticare, si toccavano le scarpe, toccavano le loro penne, cliccavano le loro penne a scatto. Ho iniziato a pensare che avevo l’ADHD, perché i rumori mi facevano estremamente distrarre. Tuttavia, l’ADHD non arriva con l’ansia e la rabbia che provo con questi rumori. Potevo tornare a casa da scuola e non essere in grado di ricordare una singola cosa che avrei dovevo imparare, perché ero stato così distratto da questi fastidiosi suoni che mi era stato impossibile. Il giorno in cui la gomma da masticare è stata vietata nella mia scuola, è stato il giorno più felice della mia vita. Per anni avevo evitato persone che masticavano la gomma da masticare perché non potevo sopportare il rumore che producevano. Finisco qui la mia testimonianza perché pensare a questi rumori mi ha irritato.

 

FONTE DELLE INFORMAZIONI:
MisophoniaUK

FONTE DELL’IMMAGINE:
L’ArtediEssere

Se vi interessa leggere anche altre testimonianze allora cliccate qui.

di Monia De Tommaso

La mia famiglia scherza dicendo che non sono “facilmente irritabile”

Cari lettori, non scoraggiatevi ma lottiamo per trovare una soluzione!
Chiunque voglia raccontare la propria esperienza (anche in anonimato) può contattarci. La vostra testimonianza è importante!

Vi è una condizione riconosciuta e io non sono solo triste e irritabile! È stato affascinante leggere le esperienze personali delle persone. Tanti replicano i miei sentimenti e le reazioni. Si conferma a me e mio marito, che ho la misofonia, anche se nella forma più lieve di quella che alcuni sembrano avere.

Non ricordo quando è cominciata, o in cosa consisteva il fattore scatenante iniziale, ma sembra essersi manifestata in età avanzata. Mio marito sembra essere il principale antagonista innocente, come la mia famiglia. Alcuni dei miei fattori di innesco sono:

• la masticazione della mela (che quasi mi fa impazzire e cerco di mandarlo in un’altra stanza)

• scricchiolio lieve (che sento in macchina)

• il mangiarsi le unghie (quando lui si morde le unghie)

• tosse (quando ha la tosse o raffreddore)

• masticazione dell’insalata croccante

• raschiamento di un coltello contro una forchetta

• Surround / suono al cinema o in tv (suoni periferici inaspettati che mi rovinano completamente la visione o l’ascolto del film)

• altri membri della famiglia che parlano durante la masticazione, o mentre mangiano con la bocca aperta, ecc.

• Fruscio della borsa (mi sento costretta ad afferrarla).

Le mie dita si stringono le une alle altre, stringo i denti e divento quasi completamente concentrata sul prossimo morso della mela, raschiamento delle posate, ecc. Tuttavia io sento una vera e propria rabbia, anche se hanno lasciato la stanza. È sconvolgente per me che coloro che amo così tanto mi possano disturbare in modo irrazionale e provo a non reagire. Mio marito a volte è infastidito dalle mie reazioni, ma nel complesso le accetta, e mi aiuta.

Sono così contenta di vedere non vi è una vera e propria diagnosi per questo; abbiamo sempre pensato che fossi facilmente irritabile.

Non mi sento di aver bisogno di cercare qualsiasi trattamento. Spero che questa auto-diagnosi possa  essere il supporto di cui io e mio marito possiamo aver bisogno per cercare insieme una cura.

Charlotte

 

FONTE DELLE INFORMAZIONI:
MisophoniaUK

FONTE DELL’IMMAGINE:
la rete

Se vi interessa leggere anche altre testimonianze allora cliccate qui.

di Monia De Tommaso

Provavo tanto odio, volevo fare del male a mio padre

misofonia-e-rabbia

Cari lettori, non scoraggiatevi ma lottiamo per trovare una soluzione!
Chiunque voglia raccontare la propria esperienza (anche in anonimato) può contattarci. La vostra testimonianza è importante!

La prima volta che ho notato i rumori della masticazione/respirazione che faceva mio padre avevo circa 11 o 12 anni. Quando si tirava su col naso, masticava o mangiava con la bocca aperta, cominciavo a sentire una profonda rabbia e mi veniva voglia di fargli un’occhiataccia oppure diimitarlo, con una conseguente sgridata da parte di mia mamma. Ho iniziato a cercare di evitare di mangiare a tavola con la famiglia, ed è stato un sollievo quando per le mie azioni mi mandavano in camera mia. La cosa peggiore era che amavo i miei genitori, ma, allo stesso tempo, sentivo una rabbia così forte che avrei voluto ferire seriamente mio padre.

Mai nessuno dei miei genitori mi ha mai chiesto spiegazioni sulle le mie reazioni o come mi sentivo. Il mio cervello diceva “Come si può fare questo? E’ disgustoso!”, ma nessun altro mai sembrava pensare una cosa del genere. In realtà non sono mai  diventato violento con nessuno, ma avevo gravi bizze di rabbia. In questo momento, posso solo ricordare le sensazioni che provavo quando venivo attivato ​​da mio padre, ma quando ho raggiunto la mia tarda adolescenza, ho iniziato a notare anche i rumori che mia madre faceva quando deglutiva. Dopo, mio padre è morto, avevo 19 anni, e il focolaio principale dei suoni scatenanti è diventata la mia mamma; a poco a poco la diffusione ha incluso altri.

Durante il periodo universitario, quando avevo 20 anni, non ho avuto grossi problemi. Come ora, penso che lo stress, gli ormoni, la forma fisica e la mia “salute mentale” hanno tutti avuto un rapporto negativo con i miei sintomi. Nel corso degli anni, vivevo lunghi periodi in cui ero sovrappeso e lievemente in depressione e sembra che fossero correlati al peggioramento dei sintomi, delle cui cause non sono molto sicuro.

I miei principali fattori scatenanti ora sono i rumori legati alla masticazione, la deglutizione, la respirazione e alcuni rumori di risonanza specifici (ad esempio, un membro del personale sul posto di lavoro ha un orologio con un grande quadrante con un braccialetto che tintinna tutto il giorno). Inoltre ho anche problemi con fattori che non sono audio, come alcuni profumi e la vista (anche senza suoni) di persone che mangiano con la bocca aperta, le persone che tirano calci o tamburellano sulla sedia sulla quale sono seduto (ad esempio in occasione di conferenze) e altri.

FONTE DELLE INFORMAZIONI:
MisophoniaUK

FONTE DELL’IMMAGINE:
benessere.guidone.it

Se vi interessa leggere anche altre testimonianze allora cliccate qui.

di Monia De Tommaso

 

“Mi dispiace per mio fratello…”

Cari lettori, non scoraggiatevi ma lottiamo per trovare una soluzione!
Chiunque voglia raccontare la propria esperienza (anche in anonimato) può contattarci. La vostra testimonianza è importante!

“Mio fratello ha provato dolore e agonia per molto tempo, credo più di 10 anni. Aveva circa 13, forse prima, quando ha iniziato a criticarci per la nostra respirazione. Non potevo fare un respiro senza essere guardata davvero male da lui, e ricordo che pensavo: “Cosa !? Sto solo respirando” ed ero furiosa con lui per essere così arrabbiato con me. Cosa avrei dovuto fare? Smettere di respirare? Non riuscivo a respirare senza sentire dentro di me la rabbia che cresceva a causa della sua reazione al mio respiro. Mi fulminava con un’occhiataccia come se avessi commesso qualche crimine indicibile e per il quale dovevo essere punita. Nel tempo, fece lo stesso con i miei genitori, in particolare la nostra mamma, se facevano qualche rumore che non gli piaceva. Era irritante e ci indisponeva tutti.
Presto, mio fratello cominciò ad infuriarsi, e ad un certo punto, durante la sua prima adolescenza, sono abbastanza sicura che spinse mia mamma fuori di camera sua per poterci stare da solo. Stava diventando violento e nessuno di noi capiva perché. Iniziò a mangiare da solo, perché rendeva la vita più facile a tutti.
Ora lui ha 20 anni e, poiché tutti noi abbiamo imparato di più su questa condizione, ci comportiamo come funzionalmente possibile – permettendogli di consumare il suo cibo prima di noi, facendogli lasciare la camera prima di iniziare a mangiare, ecc. Per la maggior parte delle volte funziona, ma so che soffre, e lui lo dirà quando lo irriteremo! Di solito guardandoci in malo modo o battendo forte i piedi a terra, ma a volte urla. I membri più lontani della famiglia non capiscono e a volte lo pressano inutilmente e non sono per niente di aiuto, come ad esempio quando lo costringono a mangiare con loro. Da allora è iniziato il nostro dramma familiare.
La mia famiglia cammina sui gusci di uova quando lui è in giro – dobbiamo pianificare i nostri spuntini e i pasti senza la libertà di goderceli senza il timore di ricevere sue ritorsioni. Non sembra un grosso problema (la pianificazione pasti e snack), ma è sorprendentemente. Ogni volta che voglio qualcosa da mangiare, devo verificare dove si trova e se sia o non sia sicuro. A volte ci ritroviamo a consumare furtivamente degli snack il più presto possibile quando non è in giro – e non va bene per una famiglia che ha legami emotivi durante i pasti … immaginate, la sensazione di ansia e sopraffazione, quindi svoltare verso il cibo, e avere un membro della famiglia che va fuori di testa quando si fa … e poi il desiderio di mangiare. A volte è davvero un incubo!
Mio fratello si allontanerà anche da noi quando vogliamo mangiare, però, ma fa male vederlo lasciarci o nascondersi mentre facciamo qualcosa di così naturale. Si perde l’aspetto sociale del pasto.
Ho sentito quello che stanno vivendo chi soffre di misofonia e mi sento davvero male per loro; deve essere una cosa orribile da affrontare ogni giorno e fare piccole fughe, ad eccezione dell’isolamento. Mi dispiace per mio fratello più ora che ho una migliore comprensione del problema, ma questo ancora non cancella tutte le cose offensive che ha detto e fatto nel corso degli anni. Abbiamo avuto un rapporto abbastanza orribile che solo di recente ha cominciato a migliorare.
Con la comprensione e la conoscenza, noi, come una famiglia, perché questo non è un problema individuale, cercheremo di far fronte alla situazione e trascorrere del tempo insieme nel modo più positivo possibile. È dura. Ma, poiché sviluppiamo strategie di difesa con i quali tutti possiamo vivere, ce la faremo. Sono contenta di vedere che non siamo soli”.

FONTE DELLE INFORMAZIONI:
MisophoniaUK

FONTE DELL’IMMAGINE:
overblog

Se vi interessa leggere anche altre testimonianze allora cliccate qui.

di Monia De Tommaso

 

Quando nuoto è l’unico momento in cui il mio mondo è completamente silenzioso

Cari lettori, non scoraggiatevi ma lottiamo per trovare una soluzione!
Chiunque voglia raccontare la propria esperienza (anche in anonimato) può contattarci. La vostra testimonianza è importante!

“La scuola superiore è stata la peggiore. Attualmente mi sento come la se mia sensibilità a questi rumori abbia raggiunto il suo pieno potenziale. Farei qualsiasi cosa per non dover stare in classe e ascoltare i rumori. Poi mi sono reso conto che imitare i rumori, in qualche modo, aiuta contro l’ansia. Batto i piedi per terra quando altre persone lo fanno. Faccio scattare la mia penna ogni volta che qualcun altro fa cliccare la propria, e mastico la mia chewing gum ogni volta che qualcuno vorrebbe masticare la sua.
So che le persone cominciavano a capire quello che stavo facendo, e qualche volta speravo che capissero anche quanto potessero essere fastidiose per me. Lentamente i miei suoni scatenanti sono aumentati; sussurri, tubazioni, frigoriferi, tastiere.
Molti dei rumori che la maggior parte delle persone non ascolta o alla quale non presta troppa attenzione, mi fanno assolutamente diventare pazzo! So che al liceo mi sono allontanato da alcune persone a causa dei rumori che facevano costantemente. Tuttavia è stato proprio al liceo, che mi sono reso conto che i rumori sono solo rumori.
All’università invece ho iniziato a pensare che fossi pazzo. Le lezioni erano la mia nemesi. Ho dovuto sedermi nella parte posteriore, abbastanza lontano da non poter leggere la lavagna, perché era più facile per me cercare di prestare attenzione se i rumori erano di fronte a me. Le biblioteche erano completamente fuori questione. Ho smesso di frequentare le biblioteche con gli amici perché non riesco a gestire i rumori delle librerie. I miei amici si divertivano così tanto a studiarci e mi hanno fatto numerosi inviti, ma non ce l’ho fatta ad unirmi a loro.

Tuttavia, non sono riuscito neanche a studiare a casa per diversi rumori: quello delle persone che camminano al piano superiore, quello di qualcuno che maneggiava piatti, il leggero bisbiglio delle stanze accanto. So che i miei studi hanno lacune perché non riesco a gestire il rumore e quindi non riesco a concentrarmi. La rabbia che cresce dentro di me all’ascolto di questi rumori è a volte insopportabile.

Ho iniziato a pensare che stavo impazzendo, che un giorno avrei perso la mia mente perché non riesco a gestire i rumori. Sento che il mio caso di misofonia è nella categoria grave a causa di tutti i suoni che mi urtano, la gravità dell’ansia e la rabbia che mi provocano.

Tuttavia, l’unica cosa che mi ha aiutato è il nuoto. Quando nuoto è l’unico momento in cui il mio mondo diventa completamente silenzioso e nulla mi scatena la sensazione di ansia”.

FONTE DELLE INFORMAZIONI:
Misophonia.uk

FONTE DELL’IMMAGINE:
Ilfitness

Se vi interessa leggere anche altre testimonianze allora cliccate qui.

di Monia De Tommaso