La corteccia cingolata anteriore e il rapporto con la corteccia insulare

misofonia-cortecce-cingolata-interiore-e-insulare

CAPITOLO 8:  I circuiti del cervello e i fattori di innesco – La corteccia cingolata anteriore (ACC) e il rapporto con la corteccia insulare

Sia la corteccia cingolata anteriore che la corteccia insulare sono le regioni principali di una rete importante sensibile a una vasta gamma di stimoli rilevanti per emotività e / o stati motivazionali. L’insula integra le informazioni sensoriali nella consapevolezza, e queste informazioni vengono poi trasferite all’ACC. Congiuntamente, essi elaborano l’importanza e la direzione dell’attenzione. La co-attivazione della corteccia insulare anteriore (AIC) e dell’ACC è segnalata da numerosi studi di neuroimaging (tecniche diagnostiche non invasive che permettono di compiere indagini sul cervello come TAC e risonanza magnetica) funzionale di elaborazione emotiva.

L’AIC e l’ACC sono in mezzo ad una rete di regioni attivate dal compito di suscitare empatia per il dolore degli altri, e quindi possono essere cruciali per l’empatia. Data la quantità di prove che attestano quanto l’AIC e l’ACC siano entrambe implicate nell’elaborazione emotiva, e in prima persona all’esperienza soggettiva, è ragionevole supporre che le anomalie funzionali di queste regioni possano essere coinvolte nella fisiopatologia dei disturbi psichiatrici. È probabile che queste due regioni di elaborazione superiori siano intimamente legate al disordine della “rabbia per il suono” attraverso la mediazione di attenzione agli stimoli esterni, l’importanza dell’ elaborazione degli stimoli, e la connettività con i centri emotivi.

Per leggere gli altri capitoli del libro della dott.ssa Krauthamer clicca qui.

FONTE DELLE INFORMAZIONI:
Sound-Rage: A Primer of the Neurobiology and Psychology of a Little Known Anger Disorder

FONTE DELL’IMMAGINE:
RassegnaFLP

di Monia De Tommaso

Le cortecce orbitofrontale e insulare

misofonia-e-le-cortecce-orbitofrontale-e-insulare

CAPITOLO 8: I circuiti del cervello e i fattori di innesco –Le cortecce orbitofrontale e insulare

I circuiti della corteccia orbitofrontale

L’amigdala proietta informazioni al talamo, che proietta massicciamente alla corteccia orbito frontale (OFC). A sua volta, l’OFC ha collegamenti massicci da e per le rappresentazioni corticali dell’olfatto, la vista, e l’udito. Le connessioni intrinseche collegano le aree prefrontali, consentendo la sintesi delle informazioni sensoriali e di azione, che sono i processi considerati cruciali per l’apprendimento e la memoria. Questo circuito particolare è implicato nella patologia di disturbi come il disturbo ossessivo-compulsivo (OCD), il disturbo dello spettro autistico, e da deficit di attenzione / iperattività (ADHD).

L’amigdala e i circuiti della corteccia insulare

Alcuni siti dell’amigdala che sono collegati con l’OFC sono anche collegati con le cortecce sensoriali insulari che sono coinvolte nella regolazione di cambiamenti fisiologici legati a stati emotivi e sono associati al significato emotivo. In particolare, la regione insulare è nota per il fatto di provocare rabbia e di valutare l’intensità della spiacevolezza del dolore.
L’insula può giocare un ruolo significativo nella psicopatologia, e in particolare, può svolgere un ruolo chiave nella “rabbia per il suono”. L’attenzione più recente della ricerca riguardo i disturbi d’ansia si è concentrata su un ruolo chiave delle anomalie dell’amigdala; ci sono molte ragioni per considerare l’idea che l’ansia patologica sia eziologicamente (causalmente) relativa alla funzione dell’insula, invece che (o in aggiunta a) in funzione dell’amigdala alterata.
L’insula è anche implicata nella sindrome di Tourette e può offrire un indizio per l’inizio dello sviluppo della “rabbia per il suono”.

Per leggere gli altri capitoli del libro della dott.ssa Krauthamer clicca qui.

FONTE DELLE INFORMAZIONI:
Sound-Rage: A Primer of the Neurobiology and Psychology of a Little Known Anger Disorder

FONTE DELL’IMMAGINE:
Altrimondi.altervista.org

di Monia De Tommaso