Esplorando il ruolo dell’amigdala nella Misofonia

misofonia-e-amigdala

Una delle teorie di studio relative ai meccanismi sottostanti la misofonia è che stimoli uditivi possono essere erroneamente interpretati dal cervello come pericolosi, o minacciosi. Come tale, il cervello risponde come farebbe se fosse realmente in pericolo. Quando siamo in pericolo, i nostri sistemi di immobilità/lotta/fuga [I] sono disattivati. Quando invece siamo in una situazione di pericolo, invece, il nostro sistema nervoso autonomo (involontario) viene attivato, o eccitato.
Quando il nostro sistema nervoso involontario è sollecitato, avvengono cambiamenti ormonali fisiologici e se ne verificano altri (ad esempio, il sangue viene ridistribuito tutto il nostro corpo, la frequenza cardiaca aumenta, ecc.) per permetterci di “fuggire” dal pericolo apparente o “combattere”, se dobbiamo.
Questo è un sistema che tutti i mammiferi hanno e che è stato conservato dall’evoluzione. [II] I sentimenti che proviamo come risultato del sistema di lotta/fuga sono associati al desiderio di “allontanarsi dagli stimoli incriminati (audio o visivi), o irritanti, che scatenano rabbia. In altre parole, l’irritazione e la rabbia che proviamo di fronte a suoni che sono nocivi probabilmente sono la manifestazione della risposta fisiologica di lotta/fuga. È difficile separare i nostri sentimenti fisiologici dalle nostre emozioni, che è il motivo per cui è importante guardare come le aree del cervello reagiscono al suono e ad altri stimoli.
La risposta di lotta/fuga è mediata da una parte del cervello chiamata amigdala. Al laboratorio LeDoux, alla New York University, Joseph LeDoux e dei suoi colleghi hanno studiato l’amigdala per decenni. Hanno fatto un lavoro pionieristico su questa parte del cervello che media l’attacco/fuga, e si occupa anche dei processi neurali legati alla memoria e alla paura. L’amigdala è anche coinvolta con la memoria.

Joseph E. LeDoux

Joseph LeDoux

In termini di misofonia, a prescindere dal fatto che uno sia nato o meno col disturbo, gli individui generano ricordi nei quali una risposta di lotta/fuga del corpo è associata a suoni particolari. Inoltre, alcuni di noi possono nascere con un sistema di sensibilità più elevata, o può semplicemente essere più sensibile agli stimoli uditivi. Pertanto, alcuni di noi possono essere più vulnerabili a formare queste memorie.
Una volta che si formano queste memorie, esse sono simili a ricordi traumatici (anche se non sono come i ricordi del trauma in quanto non v’è alcun evento traumatico associato). Tuttavia, la ricerca preliminare suggerisce che stimoli uditivi (o suoni misofonici) attivano automaticamente il sistema nervoso autonomo e le risposte di lotta/fuga, lasciando che le persone con misofonia si sentano arrabbiate o intrappolate da suoni o altri stimoli per nessun motivo apparenti.
In un’analisi degli stimoli uditivi che sono più nocivi per le persone con misofonia, ho notato che gli stimoli ripetitivi sono una caratteristica comune.
Normalmente, per verificare come queste associazioni di memoria siano realizzate, il campione (roditore) utilizzato viene testato in un tipico paradigma di apprendimento.

Lorenzo Diaz-Mataix

Lorenzo Diaz-Mataix

Cioè, al roditore si “insegna” ad associare un suono a uno stimolo sgradevole. Poi la situazione è invertita, e alla fine il roditore disimpara questa risposta (la dimentica o si assopisce).
Il Dr. LeDoux ha lavorato per molti anni per invertire questi ricordi associati. Lo ha fatto nell’ambito della “scienza di base”. Le neuroscienze di base si sforzano di guardare ai processi specifici del cervello che possono quindi far conoscere popolazioni tipiche e atipiche, e quindi numerosi disturbi.
Poiché la terapia di esposizione tipica, e le terapie che hanno fatto affidamento sulla ri-associare degli stimoli con eventi o altri stimoli, generalmente non mostrano i risultati che sono di lunga durata per i disturbi come la PTSD, o anche le fobie, LeDoux ha cercato altri modi nel cervello per cambiare l’associazione tra la risposta attivata automaticamente una volta che è stata associata ad un particolare stimolo. Questo è chiamato processo di ricompattamento della memoria.
Che ci crediate o no, ogni volta che recuperiamo una memoria dal nostro sistema di memoria a lungo termine, esso si altera leggermente. Questo è qualcosa che nel laboratorio LeDoux è stato scoperto all’inizio del millennio. Ciò è contrario alle idee precedenti sulla memoria secondo le quali una volta formatasi una memoria questa fosse stabile e sempre recuperabile.
Utilizzando la riconsolidazione della memoria, LeDoux e colleghi hanno già dimostrato che la risposta fisiologica automatica agli stimoli (o una memoria in materia di suono in misofonia) può essere cambiata in modo semplice. La maggior parte dei terapeuti comportamentalisti si basano sull’esposizione a stimoli avversi per desensibilizzare le persone al trauma (in questo caso un rumore, un suono specifico o la ripetizione di un rumore), o reimparare un’associazione tra un suono e una persona particolare, ecc. Spesso sono in grado di ottenere risultati, e se ciò avviene, essi non durano. Questo è per via della memoria.
Tuttavia, nel laboratorio di LeDoux questo problema con la memoria è stato risolto molti anni fa utilizzando modi che subconscio ha di cambiare la memoria mentre si riconsolidava. Credo che questa sia la terapia più promettente per curare la misofonia.
Nel suo studio alla New York University presso il LeDoux Lab, il Dr. LeDoux e il Dr. Lorenzo Díaz-Mataix stanno studiando due parti dell’amigdala al fine di vedere dove il problema può sorgere per quanto riguarda l’iper sensibilità uditiva, o misofonia.
L’amigdala laterale è la parte della struttura del cervello dove il suono (o altre informazioni sensoriali) entra e l’amigdala centrale è la parte in cui i segnali vengono inviati, e che inviano il messaggio “far partire o non far partire” la lotta o la fuga. Uno dei ruoli dell’amigdala centrale è di mediare la valenza (assegnazione positiva o negativa) alle informazioni sensoriali. Tuttavia il cervello funziona in modo interconnesso e molto complesso, e ci sono altre regioni del cervello soggette alla misofonia. Dal momento che sappiamo che l’eccitazione autonoma (involontaria) del sistema nervoso è coinvolta nella malattia, sappiamo che l’amigdala è certamente una regione alla quale dovremmo prestare attenzione. In questo studio il Dr. Díaz-Mataix ha separato i roditori secondo il loro livello di iper-sensibilità agli stimoli ripetitivi. I roditori naturalmente si sono divisi in gruppi di responder estremi, responder gravi, responder tipici e responder bassi. Ciò significa, che anche nei roditori sembra che ci sia un range che va dall’estrema sensibilità alla bassa sensibilità agli stimoli uditivi ripetitivi (così come sembra accadere con le persone). Le persone con misofonia sarebbero come i roditori del gruppo responder estremi. I risultati mostrano che i responder estremi hanno meno probabilità di “non-apprendere” l’associazione tra stimoli nocivi e la risposta fisiologica (o lotta/fuga). Tuttavia, questo è un esperimento scientifico aiuta a supportare che:

  • Questi sintomi misofonici sono veramente causati da fenomeni fisiologici (ovvero, se si può vedere i sintomi della misofonia sui roditori che non “pensano” come noi, abbiamo più prove del fatto che questo non è un “problema psicologico”)
  • Se i “responder estremi” sono simili a quelli provati dai soggetti umani con misofonia e sono in grado di “disimparare” è altamente improbabile che operi una risposta associata tra stimoli e un evento, rispetto alla terapia semplice da esposizione.
  • Date queste informazioni, il riconsolidamento della memoria, sul quale si sta lavorando per le persone con fobie a nuove sperimentazioni, può essere un rimedio promettente per i sintomi della misofonia.

[I] Con la risposta fisiologica spesso ci riferiamo alla lotta/fuga che segue una particolare sequenza che include l’immobilità (che viene prima). Tuttavia, spesso ci si immobilizza così rapidamente che è impercettibile per l’occhio umano e / o non si è consapevoli di attraversare questa reazione.
[II] LeDoux (2015) Anxious: Using the Brain to Understand and Treat Fear and Anxiety. Penguin Random House. New York.

FONTE DELLE INFORMAZIONI:
Misophoniainternational

FONTE DELLE IMMAGINI:
La rete

di Monia De Tommaso

Annunci

Dall’amigdala ai circuiti della corteccia uditiva

misofonia-e-amigdala

CAPITOLO 8: I circuiti del cervello e i fattori di innesco – Dall’amigdala ai circuiti della corteccia uditiva

Dall’amigdala ai circuiti della corteccia uditiva

L’amigdala fornisce informazioni alla corteccia uditiva. Certi suoni, come la raschiatura del gesso o delle unghie su una lavagna, sono conosciuti da tutti come molto sgradevoli. Quei suoni migliorano l’attivazione della corteccia uditiva, rispetto ai suoni neutri. Utilizzando tecniche di modellazione, è stato dimostrato che le connessioni dall’amigdala alla corteccia uditiva sono modulate da sensazioni spiacevoli (valenza).

I circuiti della corteccia uditiva

Tuttavia, le informazioni dal talamo possono prendere una strada corticale verso la corteccia sensoriale primaria, la corteccia uditiva. Qui, la corteccia uditiva può confermare la minaccia o determinare che il pericolo non è presente. Questo circuito è più complesso e neurotrasmettitori svolgono un ruolo critico in ogni fase della corsa.

La corteccia uditiva fornisce informazioni alle regioni corticali “superiori” che attribuiscono significato allo stimolo (è stato suggerito che l’amigdala cerca informazioni dai centri superiori del pensiero del cervello per contribuire a risolvere l’incertezza nell’ambiente). La corteccia può accertare che lo stimolo è di “pericolo” o “dolore”. La valutazione risale ai centri emotivi che possono ascrivere comportamenti di fuga, per esempio, alimentando di nuovo l’amigdala e il talamo.

Questa relazione ha un significato nel disordine della “rabbia per il suono”. Informazioni dalla corteccia uditiva all’amigdala potrebbero portare a una rappresentazione maggiore degli stimoli di innesco in cui ci si imbatte frequentemente o che sono di particolare rilevanza, come il suono innesco dello scoppio della gomma da masticare. Infatti, data l’interconnettività del cervello, l’impatto dell’amigdala sul comportamento può essere mediato attraverso molti percorsi, come ad esempio attraverso la corteccia visiva, la corteccia uditiva, o la corteccia prefrontale.

Per leggere gli altri capitoli del libro della dott.ssa Krauthamer clicca qui.

FONTE DELLE INFORMAZIONI:
Sound-Rage: A Primer of the Neurobiology and Psychology of a Little Known Anger Disorder

FONTE DELL’IMMAGINE:
PsicologiaBuddista

di Monia De Tommaso

L’amigdala e la “rabbia per il suono”

misofonia-amigdala

CAPITOLO 7: L’innesco del cervello – L’amigdala e la “rabbia per il suono”

Nella maggior parte dei disturbi psichiatrici, il cervello crea strategie disfunzionali per far fronte a stimoli che sono percepiti come minacce. In questi disturbi, tra cui l’intera gamma di fobie, attacchi di panico, e PTSD, la paura è alla base della strategia. All’amigdala è stato riconosciuto di giocare un ruolo fondamentale nell’elaborazione di paura, reagendo a stimoli minacciosi attraverso la paura, e la memorizzazione di ricordi appresi riguardanti il riconoscimento di situazioni e ambienti che inducono paura. Negli schemi riguardanti la paura, gli stimoli possono raggiungere direttamente l’amigdala; il corpo risponde senza riflettere, come ad esempio il saltando indietro quando si vede un serpente. È la paura che innesca il processo della fuga immediata.

Tuttavia, non ci sono dati che indichino che l’amigdala sia il centro della rabbia. Come pure, non vi è alcuna prova scientifica per sostenere che l’amigdala sia il primo fattore nella misofonia ad innescare un processo comportamentale di fuga a partire da stimoli cerebrali. Non è mai stato studiato un esempio di fuga neurologica in risposta alla rabbia generata dal disordine misofonico.

L’amigdala e la sensibilità sensoriale

È noto che una volta che l’amigdala è sensibilizzata ad un evento traumatico o scatenante, vi è un cambiamento nel modo dell’input sensoriale viene elaborato. Precedenti eventi emotivamente salienti sono stati memorizzati nella memoria dell’amigdala dove non sono consci ma impliciti, e irrimediabili. Uno stimolo simile o una minore intensità possono innescare una memoria e provocare la stessa risposta veloce che il fattore scatenante originale ha suscitato. Se uno stimolo sensoriale è stato precedentemente associato ad un evento traumatico, la persona risponde a stimoli simili con la stessa risposta emotiva, anche se gli stimoli sono innocui. Questo è meglio illustrato dall’elaborazione emotiva di stimoli visivi nel Disordine da Stress Post-Traumatico (PTSD). Uno studio con risonanza magnetica funzionale (fMRI), esplorando la trasformazione di immagini di traumi legati alla corteccia visiva e l’amigdala di venti veterani, ha dimostrato che l’amigdala ha aumentato i livelli di attivazione, a prescindere dal contenuto delle immagini, e indipendentemente dall’intensità di riconoscimento delle immagini.

Il trauma emotivo ha cambiato la soglia di risposta dell’amigdala di modo che l’intensità non avesse più  importanza. I risultati suggeriscono che, almeno nei veterani con PTSD, l’esperienza emotiva traumatica può modificare l’elaborazione visiva a livello di pre-attenzione. Si potrebbe indicare un possibile meccanismo predisposto per l’elaborazione patologica dell’esperienza traumatica. In entrambi i casi, entrambi i suggerimenti indicano come l’amigdala possa essere sensibilizzata e possa reagire a stimoli visivi provenienti da un trauma precedente o una predisposizione.

Come può tutto ciò collegarsi alla “rabbia per il suono”? Si deduce che l’amigdala, con la sua vasta connettività ai maggiori centri di pensiero e i centri di risposta di fuga, può essere predisposta o sensibilizzata in modo tale da modificare la soglia dell’eccitazione.

L’amigdala e la memoria

La decodificazione del significato emotivo degli stimoli sensoriali permette la formazione della memoria emozionale. L’amigdala può svolgere un ruolo nella stimolazione della formazione della memoria, e nell’invio di segnali neuromodulatori ad altre regioni del cervello. Studi di diagnostiche per immagini di cervelli, hanno dimostrato che c’è una correlazione tra l’attivazione dell’amigdala durante la codifica e la successiva memoria. La correlazione sarebbe simile a questa: l’attivazione dell’amigdala riflette, momento per momento, l’esperienza emotiva del soggetto. Questa attivazione migliora la memoria in relazione all’intensità emotiva di un’esperienza. Pertanto, un’esperienza emotiva ripetuta sarà codificata e messa nella memoria.

Che cosa significa questo per quanto riguarda la “rabbia per i suoni”? La ripetuta intensità emotiva nell’ascolto di suoni riguardanti la masticazione, latrato di cani, l’oscillazione di gambe,  ecc., attivando e ri-attivando l’amigdala e migliorando la memoria. I ricordi immagazzinati nell’amigdala non sono consapevoli, indelebili e irrecuperabili. Potrebbe essere che questi memorizzati, ricordi inconsci, rendano sempre più difficile “passare” dal disordine.

In un esperimento di stress indotto contro un gruppo di controllo, i ricercatori hanno scoperto che l’esposizione a stimoli avversi ha provocato un’attivazione prolungata sia dell’amigdala che le sue connessioni con le parti del cervello coinvolte nella risposta allo stress. Ciò potrebbe far sì che gli stimoli associati diventino sempre più prominenti (importanti, o che risaltano). Per quanto riguarda la misofonia,  esperienze ripetute contribuiscono a formare la memoria, rafforzando qualunque disfunzione iniziale ci possa essere. Con i ricordi di stress definiti, l’informazione inviata alla corteccia è enfatica: “pericolo!”.

Per leggere gli altri capitoli del libro della dott.ssa Krauthamer clicca qui.

FONTE DELLE INFORMAZIONI:
Sound-Rage: A Primer of the Neurobiology and Psychology of a Little Known Anger Disorder

FONTE DELL’IMMAGINE:
la rete

di Monia De Tommaso

 

La misofonia e l’amigdala

misofonia-e-amigdala

CAPITOLO 7: L’innesco del cervello – La misofonia e l’amigdala

L’amigdala è una raccolta strutturalmente eterogenea dei nuclei, che giace nella porzione mediale anteriore di ogni lobo temporale. I neuroni nell’amigdala laterale (LA) e nuclei della base (BA) hanno grandi alberi dendritici. Connessioni estese all’interno e tra i diversi nuclei del complesso amigdaloide aggiungono complessità alla regione del cervello, rendendo difficile per noi annotare le connessioni e i meccanismi di come gli stimoli siano percepiti e come si formino ricordi precisi.
Forse più di ogni altra regione del cervello, l’amigdala è stata associata a numerosi disturbi neuropsichiatrici e allo sviluppo neurologico. È considerata il centro di integrazione per le emozioni, comportamenti emotivi, e motivazione.

L’informazione converge da tutte le modalità sensoriali di origine visiva, uditiva, olfattiva, gustativa, viscerale, somatosensoriale e cortico-polimodale, raggiungendo l’amigdala, così come le informazioni giungono dalle visceri o le parti interne del corpo.
Nel complesso, l’amigdala è una regione del cervello, a lui strettamente collegata, che colpisce e interagisce con le risposte emotive. Riceve informazioni dalle cortecce temporali e insulari, dalla corteccia uditiva, la corteccia visiva e dalle regioni della corteccia prefrontale. E invia informazioni a molte regioni, tra le quali ci sono l’ippocampo (connesso con la memoria), la corteccia prefrontale e le cortecce sensoriali.

L’amigdala svolge un ruolo nella segnalazione (effetto piacevole / spiacevole, positivo /negativo) degli stimoli sensoriali che riceve. In altre parole, l’amigdala, nonché una rete di aree corticali e sottocorticali, si attiva durante l’esposizione a suoni avversivi. L’amigdala si attiva anche durante l’esposizione a stimoli avversivi di tipo visivo, olfattivo e gustativo. Stimoli uditivi esterni raggiungono l’amigdala attraverso due percorsi differenti che si completano a vicenda.

Un percorso breve viene dal talamo; è relativamente veloce, permettendo al corpo di prepararsi potenzialmente al pericolo prima di sapere esattamente d che tipo di pericolo si tratta. Così, le informazioni sensoriali vengono trasmesse dell’amigdala attraverso le cascate neurali che hanno origine nelle cortecce sensoriali primarie, come la corteccia uditiva. L’amigdala è quindi pronta a integrare entrambe le risposte automatiche veloci con risposte più lente, più cognitive.

A sua volta, se le informazioni in arrivo dalla periferia presentano un segnale di “pericolo”, l’amigdala invia segnali alle regioni del cervello coinvolte nel controllo autonomo. Fuori  l’amigdala si attivano rapidamente altre aree limbiche, spingendo la persona a reagire immediatamente. Le risposte comportamentali sono generate principalmente attraverso i nuclei centrali e mediali dell’amigdala, che vengono inviati poi per i centri ipotalamici e del tronco cerebrale coinvolti nel controllo autonomo.

Per leggere gli altri capitoli del libro della dott.ssa Krauthamer clicca qui.

FONTE DELLE INFORMAZIONI:
Sound-Rage: A Primer of the Neurobiology and Psychology of a Little Known Anger Disorder

FONTE DELL’IMMAGINE:
Corpo Mente Spirito

di Monia De Tommaso