La misofonia e il talamo

misofonia-e-talamo

 

Per leggere gli altri capitoli del libro della dott.ssa Krauthamer clicca qui.

FONTE DELLE INFORMAZIONI:
Sound-Rage: A Primer of the Neurobiology and Psychology of a Little Known Anger Disorder

FONTE DELL’IMMAGINE:
Neurorrehabilitacion

di Monia De Tommaso

Annunci

Introduzione al circuito della “rabbia per il suono”

misofonia

CAPITOLO 8: I circuiti del cervello e i fattori di innesco – Introduzione al circuito della “rabbia per il suono”

Uno dei più approfonditi studi sui circuiti uditivi, emotivi e cerebrali provengono dal lavoro di LeDoux. Tuttavia, il circuito che studia si concentra sulla paura. La misofonia ha un circuito diverso, quello che collega la rabbia, la percezione del dolore, e la creazione, la manutenzione, e la generalizzazione della risposta ai fattori scatenanti.

I segnali acustici  dell’ambiente sono raccolti da speciali recettori nell’orecchio. Essi vengono trasmessi al cervello attraverso il nervo uditivo, che termina nei nuclei del tronco cerebrale uditivo. Assoni di queste regioni raggiungono prevalentemente l’altro lato del cervello e salgono fino al collicolo inferiore del mesencefalo. Dal collicolo inferiore, gli assoni viaggiano fino al nucleo relè del talamo uditivo. Al talamo, uno stimolo uditivo passa in uno dei due percorsi.

I neuroni nell’area uditiva del talamo proiettano direttamente alla corteccia uditiva, o informazioni sonore in forma di neuroni si attivano e viaggiano con il percorso più breve, nella regione più veloce e sub- corticale dal talamo direttamente all’amigdala laterale (LA).
Il viaggio di uno stimolo di attivazione dell’amigdala o corteccia uditiva potrebbe essere simile a questo: nel giro di poche decine di millisecondi, le informazioni viaggiano sia dall’amigdala e dalla corteccia uditiva ad altre aree della corteccia in cui lo stimolo viene ulteriormente trattato e valutato. Le informazioni viaggiano attraverso un circuito per la corteccia insulare, una regione del cervello che co-mescola valutazioni di minacce, dolore e rabbia.

La corteccia insulare invierà la sua interpretazione dello stimolo nella parte posteriore del cervello in un processo chiamato di feedback; alimenterà informazioni all’amigdala (o attraverso altri circuiti neurali alle aree del tronco cerebrale) per motivare e guidare il corpo in una risposta comportamentale lontana dal pericolo. Questa interconnessione è stato dimostrato avere un significato di “rabbia per il suono” nello studio del dolore.
Dettagli fenomenologici di un fattore di innesco, come ad esempio chi sta masticando o a cosa somiglia la bocca di chi sta masticando, e la risposta del cervello corrispondente al messaggio di “minaccia” può viaggiare come un percorso feedforward verso ancora un altro circuito.

Le esperienze emotive intense e lo sforzo eccessivo attivano l’amigdala, e le prove indicano che l’attivazione è correlata alla codifica e la memoria nell’amigdala. Le informazioni feedforward, come ad esempio di un altro significativo suono della masticazione, può andare all’ippocampo o all’amigdala per la conservazione. La memoria degli stimoli originali (fattori di innesco) o la risposta agli stimoli originali (rabbia) è stata memorizzata. Una volta lì, si è ora una memoria implicita.

L’amigdala (e forse altre regioni del cervello) deposita e permette l’associazione che è irrimediabile alla mente cosciente. L’associazione può essere una miscela di stimoli, come i suoni legati alla masticazione dei chewing gum; i dettagli fenomenologici, come ad esempio chi mastica; l’interpretazione del cervello di salienza o dell’importanza degli stimoli; e l’effetto di rabbia e rabbia.

Per leggere gli altri capitoli del libro della dott.ssa Krauthamer clicca qui.

FONTE DELLE INFORMAZIONI:
Sound-Rage: A Primer of the Neurobiology and Psychology of a Little Known Anger Disorder

FONTE DELL’IMMAGINE:
GlobalNEWS

di Monia De Tommaso

I circuiti del cervello e i fattori di innesco

misofonia-cervello-fattori-scatenanti

CAPITOLO 8:  I circuiti del cervello e i fattori di innesco – Introduzione

Ci sono due “vie” perché gli stimoli uditivi raggiungano l’amigdala dal talamo per una risposta emotiva: la prima raggiunge la corteccia uditiva, che a sua volta ha collegamenti con l’amigdala, e l’altra direttamente è direttamente collegata al nucleo centrale dell’amigdala. Il vantaggio di avere due strade è che la via diretta risparmia tempo.

In situazioni di pericolo e di stress, il tempo risparmiato è letteralmente una questione di vita o di morte. È possibile che il percorso diretto sia responsabile del controllo delle risposte emotive che non capiamo. Ciò si può verificare in tutti noi qualche volta, ma può essere un modo predominante di funzionare negli individui con alcuni disturbi emotivi.

Analizzando il cervello, cerchiamo di risolvere i misteri delle relazioni tra fattori di innesco, minaccia percepita, e la rabbia. Il circuito all’interno del cervello umano è complesso, confuso e poco compreso, con legami inestricabili tra pensieri e sentimenti. In aggiunta allo stimolo delle interconnessioni c’è il fatto che i cambiamenti avvengono all’interno del cervello in tutta una vita: alcuni percorsi si interrompono, spesso a causa dei cambiamenti evolutivi nel cervello. Si formano nuovi percorsi, mentre un certo numero di percorsi rimangono fissi (i percorsi fissi sono spesso indicati come “programmati”, ed i comportamenti che derivano  da questi percorsi come “innati”).
Trilioni di interconnessioni sono rese ancora più complesse dalla notevole rapida accensione dei segnali. Potrebbe essere una questione di millisecondi (ms) a separare l’attivazione di una zona da un’altra , e pochi secondi prima che il cervello valuti e memorizzi le informazioni. Non c’è da stupirsi il fatto che sia difficile da accertare dove e come un particolare innesco abbia guadagnato il suo significato di pericolo.

Per leggere gli altri capitoli del libro della dott.ssa Krauthamer clicca qui.

FONTE DELLE INFORMAZIONI:
Sound-Rage: A Primer of the Neurobiology and Psychology of a Little Known Anger Disorder

FONTE DELL’IMMAGINE:
la rete

di Monia De Tommaso

L’insula e la corteccia cingolata anteriore

misofonia-e-insula

CAPITOLO 7: L’innesco del cervello – L’insula e la corteccia cingolata anteriore

L’insula

L’insula (o corteccia insulare) è il fulcro della rete corticale delle regioni, e fornisce un’interfaccia di sentimenti, cognizioni e azioni attraverso l’integrazione di informazioni visive, tattili, e uditive. È stata collegata ai processi di elaborazione della tristezza,  rabbia, paura, disgusto, felicità e avversione agli stimoli emotivi. La corteccia insulare posteriore è operativamente connessa ad aree sensoriali. La corteccia insulare ha collegamenti bidirezionali verso l’amigdala e la corteccia orbitofrontale, ed è quindi in posizione centrale per ricevere informazioni sulla rilevanza (l’importanza e valore relativo quale piacevolezza / positivo o sgradevolezza / negativo) dell’ambiente rilevato dallo stimolo. L’insula si concentra su come il valore degli stimoli potrebbe influenzare lo stato del corpo. Studi sulla diagnostica per immagini neurologica e funzionale hanno collegato l’attivazione della corteccia insulare alla consapevolezza percettiva di una minaccia, alla codifica di intensità del dolore, e alle aspettative di stimoli dolorosi, tutti gli aspetti del disordine della “rabbia per il suono”. Stimoli del dolore attivano la corteccia insulare, e l’anticipazione di stimoli emotivamente avversivi attivano la corteccia insulare destra. L’insula è implicata anche negli stati di empatia e compassione, che sono fondamentali per una terapia efficace. L’empatia è anche una componente di imitazione, un comportamento rilevante per la comprensione della misofonia.

La corteccia cingolata anteriore

La corteccia cingolata anteriore (ACC) è collegata con la corteccia prefrontale e con gli stimoli  discendenti e ascendenti. Ha proiezioni strette e pesanti in regioni cerebrali tipicamente coinvolte nella sfera affettiva, motivazionale, e nell’elaborazione autonoma – l’amigdala, l’ipotalamo, e insula anteriore – ed è coinvolta nella valutazione della rilevanza delle emozioni e delle informazioni motivazionali. Questa connettività suggerisce che l’ACC ha un ruolo nella generazione di reazioni fisiologiche sulle emozioni e le risposte comportamentali, nonché sulle risposte autonome agli stimoli emotivamente salienti. Si ritiene cruciale nella produzione di sensazioni soggettive, il funzionamento esecutivo, e il coordinando della risposta adeguata a eventi interni ed esterni. L’ACC è anche una regione chiave per valutare l’effetto del dolore.

Per leggere gli altri capitoli del libro della dott.ssa Krauthamer clicca qui.

FONTE DELLE INFORMAZIONI:
Sound-Rage: A Primer of the Neurobiology and Psychology of a Little Known Anger Disorder

FONTE DELL’IMMAGINE:
AIRInforma

di Monia De Tommaso

La misofonia e la corteccia orbitofrontale

misofonia-e-corteccia-orbitofrontale

CAPITOLO 7: L’innesco del cervello – La corteccia orbitofrontale

La corteccia orbitofrontale (OFC) è una regione della corteccia prefrontale situata nei lobi frontali che svolge un ruolo critico nella valutazione emotiva e della cognizione sociale. Riceve una ricca gamma di informazioni multimodali da tutte le cortecce sensoriali di associazione, può fornire un percorso aggiuntivo attraverso le cortecce sensoriali di associazione, e può fornire un percorso aggiuntivo attraverso il quale le informazioni sensoriali raggiungono l’amigdala. Sulla base dei dati anatomici e funzionali, è stato proposto che è una regione di convergenza che potrebbe promuovere l’integrazione delle informazioni sensoriali multimodali con reazioni affettive. Potrebbe essere coinvolta in aspetti di valutazione affettiva, a seguito di fasi automatiche di trasformazione in atto nell’amigdala e nelle cortecce sensoriali, integrando le valutazioni iniziali con altri fattori cognitivi legati alle richieste del contesto, degli obiettivi, o delle attività.
I dati ottenuti grazie alla diagnostica cerebrale per immagini, hanno dimostrato che l’OFC è coinvolta nel processo di eventi non-vocali emotivi uditivi, di prosodia emotiva (il tono di un individuo di voce, veicolato attraverso i cambiamenti di tono, volume, timbro, velocità di lettura, e le pause) e la percezione della musica . Un recente studio di soggetti umani ha dimostrato che, con la tomografia ad emissione di positroni, è possibile osservare cambiamenti nel flusso sanguigno cerebrale durante l’esposizione a stimoli uditivi spiacevoli. Gli studiosi hanno scoperto che la corteccia orbitofrontale caudale risponde a spiacevoli informazioni uditive in entrata.

Per leggere gli altri capitoli del libro della dott.ssa Krauthamer clicca qui.

FONTE DELLE INFORMAZIONI:
Sound-Rage: A Primer of the Neurobiology and Psychology of a Little Known Anger Disorder

FONTE DELL’IMMAGINE:
GITIM

di Monia De Tommaso

Le cortecce uditiva e prefrontale

misofonia-corteccia-uditiva-e-prefrontale

CAPITOLO 7: L’innesco del cervello – Le cortecce uditiva e prefrontale

La corteccia uditiva

L’organizzazione funzionale della corteccia uditiva ricorda l’organizzazione delle cortecce dedicate ad altre modalità sensoriali. Informazioni in entrata vengono inviate dal talamo, che a sua volta le proietta per le aree corticali “di livello superiore”. I neuroni nella corteccia uditiva interpretano i segnali audio in ingresso e li inviano al resto del sistema nervoso.
Molti neuroni nella corteccia uditiva rispondono solo a suoni molto specifici. Secondo uno studio, solo il 5% dei neuroni nella corteccia uditiva ha un “alto tasso di stimolazione” quando si percepisce una gamma di suoni di varia lunghezza, frequenza e volume. I ricercatori hanno ipotizzato che ciascun neurone nella corteccia uditiva può avere uno “stimolo ottimale” a cui è particolarmente sensibilizzato. Diversi studi hanno suggerito che è possibile che certi suoni, come il ticchettio delle unghie generato al tocco della tastiera di un computer portatile o il ticchettio di tacchi sul marciapiede, potrebbero essere elaborati e verrebbe loro assegnato un significato a livello della corteccia uditiva.

La corteccia prefrontale

Il telencefalo è la più grande parte del cervello umano, che contiene tutti i centri che ricevono e interpretano le informazioni sensoriali. La corteccia prefrontale (PFC), situata nella parte anteriore della corteccia cerebrale, è costituita da un gruppo di aree cerebrali con ampie interconnessioni tra diverse sottoregioni della PFC. Questo permette di condividere le informazioni all’interno di reti locali, nonché di convergere con cortecce sensoriali in modalità multiple.
La PFC ha un ruolo nell’interpretazione cognitiva ed emotiva di stimoli sensoriali valenti e nel controllo delle successive risposte comportamentali. Gli studi suggeriscono che le caratteristiche funzionali e elettrofisiologiche dell’amigdala e della PFC si sovrappongono e dipendono intimamente le une dalle altre. I circuiti neurali che mediano le risposte cognitive (del pensiero), emotive (dell’umore, dei sentimenti), fisiologiche (del corpo), e le risposte comportamentali (dell’azione) sembrano essere indissolubilmente legate e non possono veramente essere separabili.

Per leggere gli altri capitoli del libro della dott.ssa Krauthamer clicca qui.

FONTE DELLE INFORMAZIONI:
Sound-Rage: A Primer of the Neurobiology and Psychology of a Little Known Anger Disorder

FONTE DELL’IMMAGINE:
Treccani

di Monia De Tommaso

L’amigdala e la “rabbia per il suono”

misofonia-amigdala

CAPITOLO 7: L’innesco del cervello – L’amigdala e la “rabbia per il suono”

Nella maggior parte dei disturbi psichiatrici, il cervello crea strategie disfunzionali per far fronte a stimoli che sono percepiti come minacce. In questi disturbi, tra cui l’intera gamma di fobie, attacchi di panico, e PTSD, la paura è alla base della strategia. All’amigdala è stato riconosciuto di giocare un ruolo fondamentale nell’elaborazione di paura, reagendo a stimoli minacciosi attraverso la paura, e la memorizzazione di ricordi appresi riguardanti il riconoscimento di situazioni e ambienti che inducono paura. Negli schemi riguardanti la paura, gli stimoli possono raggiungere direttamente l’amigdala; il corpo risponde senza riflettere, come ad esempio il saltando indietro quando si vede un serpente. È la paura che innesca il processo della fuga immediata.

Tuttavia, non ci sono dati che indichino che l’amigdala sia il centro della rabbia. Come pure, non vi è alcuna prova scientifica per sostenere che l’amigdala sia il primo fattore nella misofonia ad innescare un processo comportamentale di fuga a partire da stimoli cerebrali. Non è mai stato studiato un esempio di fuga neurologica in risposta alla rabbia generata dal disordine misofonico.

L’amigdala e la sensibilità sensoriale

È noto che una volta che l’amigdala è sensibilizzata ad un evento traumatico o scatenante, vi è un cambiamento nel modo dell’input sensoriale viene elaborato. Precedenti eventi emotivamente salienti sono stati memorizzati nella memoria dell’amigdala dove non sono consci ma impliciti, e irrimediabili. Uno stimolo simile o una minore intensità possono innescare una memoria e provocare la stessa risposta veloce che il fattore scatenante originale ha suscitato. Se uno stimolo sensoriale è stato precedentemente associato ad un evento traumatico, la persona risponde a stimoli simili con la stessa risposta emotiva, anche se gli stimoli sono innocui. Questo è meglio illustrato dall’elaborazione emotiva di stimoli visivi nel Disordine da Stress Post-Traumatico (PTSD). Uno studio con risonanza magnetica funzionale (fMRI), esplorando la trasformazione di immagini di traumi legati alla corteccia visiva e l’amigdala di venti veterani, ha dimostrato che l’amigdala ha aumentato i livelli di attivazione, a prescindere dal contenuto delle immagini, e indipendentemente dall’intensità di riconoscimento delle immagini.

Il trauma emotivo ha cambiato la soglia di risposta dell’amigdala di modo che l’intensità non avesse più  importanza. I risultati suggeriscono che, almeno nei veterani con PTSD, l’esperienza emotiva traumatica può modificare l’elaborazione visiva a livello di pre-attenzione. Si potrebbe indicare un possibile meccanismo predisposto per l’elaborazione patologica dell’esperienza traumatica. In entrambi i casi, entrambi i suggerimenti indicano come l’amigdala possa essere sensibilizzata e possa reagire a stimoli visivi provenienti da un trauma precedente o una predisposizione.

Come può tutto ciò collegarsi alla “rabbia per il suono”? Si deduce che l’amigdala, con la sua vasta connettività ai maggiori centri di pensiero e i centri di risposta di fuga, può essere predisposta o sensibilizzata in modo tale da modificare la soglia dell’eccitazione.

L’amigdala e la memoria

La decodificazione del significato emotivo degli stimoli sensoriali permette la formazione della memoria emozionale. L’amigdala può svolgere un ruolo nella stimolazione della formazione della memoria, e nell’invio di segnali neuromodulatori ad altre regioni del cervello. Studi di diagnostiche per immagini di cervelli, hanno dimostrato che c’è una correlazione tra l’attivazione dell’amigdala durante la codifica e la successiva memoria. La correlazione sarebbe simile a questa: l’attivazione dell’amigdala riflette, momento per momento, l’esperienza emotiva del soggetto. Questa attivazione migliora la memoria in relazione all’intensità emotiva di un’esperienza. Pertanto, un’esperienza emotiva ripetuta sarà codificata e messa nella memoria.

Che cosa significa questo per quanto riguarda la “rabbia per i suoni”? La ripetuta intensità emotiva nell’ascolto di suoni riguardanti la masticazione, latrato di cani, l’oscillazione di gambe,  ecc., attivando e ri-attivando l’amigdala e migliorando la memoria. I ricordi immagazzinati nell’amigdala non sono consapevoli, indelebili e irrecuperabili. Potrebbe essere che questi memorizzati, ricordi inconsci, rendano sempre più difficile “passare” dal disordine.

In un esperimento di stress indotto contro un gruppo di controllo, i ricercatori hanno scoperto che l’esposizione a stimoli avversi ha provocato un’attivazione prolungata sia dell’amigdala che le sue connessioni con le parti del cervello coinvolte nella risposta allo stress. Ciò potrebbe far sì che gli stimoli associati diventino sempre più prominenti (importanti, o che risaltano). Per quanto riguarda la misofonia,  esperienze ripetute contribuiscono a formare la memoria, rafforzando qualunque disfunzione iniziale ci possa essere. Con i ricordi di stress definiti, l’informazione inviata alla corteccia è enfatica: “pericolo!”.

Per leggere gli altri capitoli del libro della dott.ssa Krauthamer clicca qui.

FONTE DELLE INFORMAZIONI:
Sound-Rage: A Primer of the Neurobiology and Psychology of a Little Known Anger Disorder

FONTE DELL’IMMAGINE:
la rete

di Monia De Tommaso

 

La misofonia e l’amigdala

misofonia-e-amigdala

CAPITOLO 7: L’innesco del cervello – La misofonia e l’amigdala

L’amigdala è una raccolta strutturalmente eterogenea dei nuclei, che giace nella porzione mediale anteriore di ogni lobo temporale. I neuroni nell’amigdala laterale (LA) e nuclei della base (BA) hanno grandi alberi dendritici. Connessioni estese all’interno e tra i diversi nuclei del complesso amigdaloide aggiungono complessità alla regione del cervello, rendendo difficile per noi annotare le connessioni e i meccanismi di come gli stimoli siano percepiti e come si formino ricordi precisi.
Forse più di ogni altra regione del cervello, l’amigdala è stata associata a numerosi disturbi neuropsichiatrici e allo sviluppo neurologico. È considerata il centro di integrazione per le emozioni, comportamenti emotivi, e motivazione.

L’informazione converge da tutte le modalità sensoriali di origine visiva, uditiva, olfattiva, gustativa, viscerale, somatosensoriale e cortico-polimodale, raggiungendo l’amigdala, così come le informazioni giungono dalle visceri o le parti interne del corpo.
Nel complesso, l’amigdala è una regione del cervello, a lui strettamente collegata, che colpisce e interagisce con le risposte emotive. Riceve informazioni dalle cortecce temporali e insulari, dalla corteccia uditiva, la corteccia visiva e dalle regioni della corteccia prefrontale. E invia informazioni a molte regioni, tra le quali ci sono l’ippocampo (connesso con la memoria), la corteccia prefrontale e le cortecce sensoriali.

L’amigdala svolge un ruolo nella segnalazione (effetto piacevole / spiacevole, positivo /negativo) degli stimoli sensoriali che riceve. In altre parole, l’amigdala, nonché una rete di aree corticali e sottocorticali, si attiva durante l’esposizione a suoni avversivi. L’amigdala si attiva anche durante l’esposizione a stimoli avversivi di tipo visivo, olfattivo e gustativo. Stimoli uditivi esterni raggiungono l’amigdala attraverso due percorsi differenti che si completano a vicenda.

Un percorso breve viene dal talamo; è relativamente veloce, permettendo al corpo di prepararsi potenzialmente al pericolo prima di sapere esattamente d che tipo di pericolo si tratta. Così, le informazioni sensoriali vengono trasmesse dell’amigdala attraverso le cascate neurali che hanno origine nelle cortecce sensoriali primarie, come la corteccia uditiva. L’amigdala è quindi pronta a integrare entrambe le risposte automatiche veloci con risposte più lente, più cognitive.

A sua volta, se le informazioni in arrivo dalla periferia presentano un segnale di “pericolo”, l’amigdala invia segnali alle regioni del cervello coinvolte nel controllo autonomo. Fuori  l’amigdala si attivano rapidamente altre aree limbiche, spingendo la persona a reagire immediatamente. Le risposte comportamentali sono generate principalmente attraverso i nuclei centrali e mediali dell’amigdala, che vengono inviati poi per i centri ipotalamici e del tronco cerebrale coinvolti nel controllo autonomo.

Per leggere gli altri capitoli del libro della dott.ssa Krauthamer clicca qui.

FONTE DELLE INFORMAZIONI:
Sound-Rage: A Primer of the Neurobiology and Psychology of a Little Known Anger Disorder

FONTE DELL’IMMAGINE:
Corpo Mente Spirito

di Monia De Tommaso

Le parti del cervello innescate

misofonia-e-le-parti-innescate-del-cervello

CAPITOLO 7: L’innesco del cervello – Le parti del cervello innescate

Abbiamo solo una conoscenza parziale della natura del passaggio di segnali sonori dal tronco cerebrale ad aree corticali superiori. Lavorazione e trasformazione hanno luogo presso numerose fermate lungo il percorso sia da chi respira, a chi sofferente fugge da una stanza. Quali parti del cervello interpretano il suono? In quale frangente un suono passa da ambiguo a “pericoloso”? È possibile che il pericolo possa effettivamente essere interpretato come dolore?

L’orecchio
Le anomalie delle orecchie e acustiche non sono implicate in questo disturbo. Non ci sono prove che ci sia una relazione tra disturbi dell’udito come l’iperacusia o tinnito e la “misofonia”. Tuttavia, gli audiologi possono svolgere un ruolo nel trattamento del disturbo. Sollievo si trova spesso grazie ai generatori di rumore bianco fissati all’orecchio. Dall’orecchio, un suono codificato viaggia attraverso il tronco cerebrale e il collicolo inferiore del mesencefalo e viene elaborato in ogni regione del cervello.

Il tronco cerebrale e collicolo inferiore
Il collicolo inferiore (IC) è un relè necessario per quasi tutte le informazioni uditive (ascendenti e discendenti) ed è situato a metà strada lungo le vie uditive del mesencefalo. Un punto rilevante riguardante il collicolo inferiore associato con la “rabbia del suono” è il suo ruolo nel distinguere i suoni ambientali da quelli auto-generati. Questo può spiegare perché le persone con la misofonia non sono infastidite dai suoni generati dalla propria masticazione.

Grigio periacqueduttale
Il Grigio Periacqueduttale (PAG, detto anche la “il grigio centrale”) è la regione densa di cellule che circonda l’acquedotto mesencefalico. Comanda le reazioni di lotta o fuga primitive indotte da minaccia, dolore acuto, o l’asfissia, e ha un ruolo nella risposta di fuga. Il PAG fornisce l’input al IC e può quindi fornire informazioni limbiche al sistema uditivo.

Talamo
Il talamo trasmette percorsi sensoriali in ingresso alle aree appropriate della corteccia. Il talamo uditivo è la principale fonte di proiezioni uditive che alla fine raggiungono il nucleo laterale (LA) dell’amigdala. Il corpo mediale genicolato (MGB) è il principale centro uditivo del talamo; ottiene informazioni dal collicolo inferiore e ne invia alla corteccia uditiva e all’amigdala. Il MGB ottiene anche input dal nucleo reticolare del talamo (TRN) che forma un sottile velo intorno al talamo dorsale e agisce come un filtro, setacciando le informazioni tra il talamo e la corteccia. Il TRN consente ai segnali di passare alla corteccia o bloccarli  innervando e inibendo la proiezioni di neuroni dal talamo.

Pulvinar
Il complesso del pulvinar è la più grande massa nucleare nel talamo. Riceve input visivi diretti dalla retina, input visivi indiretti attraverso gli strati superficiali del collicolo superiore a metà del cervello, e l’ingresso massiccio dalle cortecce visive. Le connessioni tra le regioni del cervello che hanno un ruolo nella valutazione di uno stimolo, pulvinar, amigdala, corteccia orbitofrontale e l’insula, suggeriscono che il pulvinar può avere un ruolo nel processo emotivo.

Per leggere gli altri capitoli del libro della dott.ssa Krauthamer clicca qui.

FONTE DELLE INFORMAZIONI:
Sound-Rage: A Primer of the Neurobiology and Psychology of a Little Known Anger Disorder

FONTE DELL’IMMAGINE:
Humanitas Research Hospital

di Monia De Tommaso

Misofonia: limitazioni sulla scienza del cervello

misofonia-cervello

CAPITOLO 7: L’innesco del cervello – Limitazioni sulla scienza del cervello

Quando sentiamo qualcuno mangiare la minestra, la risposta fisiologica comportamentale di fuggire  emergere prima della sensazione emotiva di rabbia? Le sensazioni emotive nascono prima, dopo, o durante i pensieri associati ai fattori scatenanti? Cosa viene prima, una gamma attivata di risposte viscerali e comportamentali o l’esperienza cosciente emotiva?

Dal punto di vista neurologico, i neuroni nel centro dell’abilitazione emotiva (amigdala), e il sistema di elaborazione delle informazioni della corteccia cerebrale, spesso sono coinvolti in rappresentazioni. Un singolo neurone può codificare più variabili cognitive ed emotive. Questo rende le reazioni di separazione, i pensieri e i sentimenti estremamente difficili. E rende lo studio di laboratorio del rapporto tra pensieri, emozioni e risposte comportamentali altrettanto difficili.
Il dibattito su come il pensiero influenzi le emozioni e come le emozioni abbiano un impatto sul pensiero è ancora in corso. Per aggirare questo dibattito, i neuroscienziati spesso descrivono

la cognizione e l’emozione come processi separabili, attuati da diverse regioni del cervello. Nello studio dell’emozione, gli scienziati misurano risposte emotive agli stimoli lungo due assi: la valenza (piacevole contro quella spiacevole o positiva contro quella negativa) e l’intensità (livello di eccitazione). Si tratta di un modo, ma limitato, per identificare e caratterizzare i circuiti neurali responsabili per gli aspetti specifici di espressione emotiva e di regolazione.

In studi con soggetti umani, i neuroscienziati eludono il dibattito sul pensiero contro l’emozione definendo operativamente un aspetto particolare dell’emozione (vale a dire, la definizione di una particolare metrica e limitando lo studio per la valutazione di tale metrica specifica); poi utilizzano una caratterizzazione comportamentale o fisiologica specifica per studiare le basi neurali del processo emotivo. Ad esempio, per studiare la rabbia, i neuroscienziati prima operativamente definiscono la rabbia. Poi creano una situazione molto particolare da cui si spera di stimolare o suscitare la rabbia, come ad esempio mostrando volti arrabbiati o pungere con uno spillo un dito dei soggetti analizzati. Si guardano i cervelli dei soggetti e si registrano le aree che risultano accese.

I ricercatori creano simulazioni di eventi per suscitare emozioni di base, dal momento che è virtualmente impossibile risposte emotive autentiche che sono generate in situazioni del mondo reale. Queste simulazioni artificiali sono spesso accompagnate da un piccolo campione. La validità e la legittimità nel generalizzare i risultati a una popolazione complessiva è discutibile, in particolare alla luce delle limitazioni delle condizioni di ricerca, che non creano risposte emotive adeguate vere e proprie.

Per leggere gli altri capitoli del libro della dott.ssa Krauthamer clicca qui.

FONTE DELLE INFORMAZIONI:
Sound-Rage: A Primer of the Neurobiology and Psychology of a Little Known Anger Disorder

FONTE DELL’IMMAGINE:
Filosofiprecari.it

di Monia De Tommaso