Misofonia: si tratta di una fobia?

misofonia-fobia

CAPITOLO 5: Qual è la diagnosi? –Si tratta di una fobia?

Anche io ho questa fobia da circa 5 anni. NON ASPETTATE CHE MIGLIORI DA SOLA. IL PIU’ DELLE VOLTE NON ACCADRA’! Gente, non soffrite in silenzio! Sono stufo di persone che danno consigli del tipo “ignoralo” o “cavatela dalla situazione”. Non si può scappare da essa, sarà sempre lì!

I media e alcuni medici di salute mentale hanno etichettato la sindrome come fobia. Nel DSM IV – TR, i Criteri per la Fobia Specifica sono:

  • La paura persistente che è eccessiva o irragionevole, segnalata dalla presenza o dall’attesa di un oggetto o di una situazione specifica.
  • L’esposizione provoca ansia immediata, che può assumere la forma di un attacco di panico sensibile alla situazione.
  • I pazienti riconoscono che la paura è eccessiva o irragionevole.
  • I pazienti evitano la situazione fobica o sopportano altro con intensa ansia o disagio.
  • Il disagio nella situazione temuta interferisce significativamente con la routine della persona normale, il funzionamento lavorativo o attività o relazioni sociali.
  • Nelle persone di età inferiore ai 18 anni, la durata è di almeno 6 mesi.
  • La paura non è attribuibile in modo migliore ad un altro disturbo mentale.

Quando le persone descrivono il loro disturbo, l’unica parola che viene minimizzata o manca nel dialogo è la paura. La paura è il fulcro delle fobie. Ma le persone con la “misofonia” o la “Rabbia per i Suoni” hanno paura dei suoni della masticazione? Provano paura quando vedono una gamba oscillante? Quando sentono un forte odore sgradevole, identificano la paura come un sensazione diffusa immediata, o pensiero?

Una persona claustrofobica è terrorizzata di essere in piccoli spazi chiusi, la paura è specifica e definita. Come un claustrofobico si avvicina ad un ascensore, l’idea di entrarvi può indurgli la paura immediata. Con la misofonia, il pensiero di sentire un suono scatenante o di vedere un fattore di innesco non produce la paura. Quando in presenza di un innesco, la prima e più importante risposta emotiva è la rabbia. L’aspettativa di sentire / vedere un fattore di innesco non produce rabbia / risposta di odio, anche se può indurre ansia anticipatoria.

Le persone con fobie hanno una risposta fisiologica quando si confrontano con la loro fobia: panico. È stato detto che un attacco di panico è una delle esperienze più intensamente spaventose, sconvolgenti e scomode della vita di una persona e può richiedere giorni per riprendersi totalmente da esso. Molti di coloro che sperimentano un attacco di panico per la prima volta hanno paura di avere un attacco di cuore o un esaurimento nervoso.

A titolo di confronto, una persona che sente qualcuno masticare una gomma, avrà una risposta fisiologica associata all’identificazione di un pericolo: la fuga. E non appena il fattore di innesco è andato, c’è la risposta fisiologica schiacciante. Più significativa è l’inefficacia delle terapie della fobia sulla mitigazione della risposta autonoma a determinati stimoli scatenanti. Il trattamento della fobia comprende l’esposizione, che è una terapia inefficace per la “misofonia”. Infatti, l’esposizione può portare a reazioni negative estreme.

Per leggere gli altri capitoli del libro della dott.ssa Krauthamer clicca qui.

FONTE DELLE INFORMAZIONI:
Sound-Rage: A Primer of the Neurobiology and Psychology of a Little Known Anger Disorder

FONTE DELL’IMMAGINE:
GraphoMania

di Monia De Tommaso

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...