Rara sensibilità innesca eccessiva rabbia, spiega un audiologo di Hamden

Misofonia: è una condizione strana e nascosta, così recentemente riconosciuta che anche la maggior parte dei medici non la conoscono. I misofonici provano una reazione istantanea di rabbia quando sentono certi suoni connessi alla masticazione e alla respirazione.

Un audiologo di Hamden, Natan Bauman, nel 2012 ha affrontato l’argomento presso la conferenza annuale all’American Academy of Audiology, di Boston. Bauman, che ha anche messo a punto apparecchi acustici, ha proposto una spiegazione del meccanismo neurofisiologico che governa la misofonia e ha rivisto le procedure di un trattamento che ha sviluppato.
La condizione rara e poco comprensibile, a volte chiamata Sindrome della Sensibilità al Suono Selettivo, o delle 4S, di solito inizia nella tarda infanzia.
La gamma di suoni scatenanti solitamente si espande nel tempo, a volte includendo anche fattori di innesco visivi, come il ciondolamento dei piedi. La reazione tende anche a peggiorare. Bauman crede che la condizione comprenda una componente uditiva, dove “certe strutture nelle vie uditive aumentano la sensibilità – quello che noi chiamiamo ‘guadagno’ – per certi suoni”, ha detto. (Pensate a come il vostro nome risalti quando lo si pronuncia in una stanza rumorosa). Quando un rumore viene percepito come minaccioso, le strutture del sistema limbico generano una risposta di lotta o fuga, ha detto Bauman.
Il suo trattamento include una componente di consulenza, che comprende attenzione per il controllo e rilassamento, così come una componente di desensibilizzazione che utilizza rumore bianco, una sorta di sibilo neutro, per annegare parzialmente i suoni scatenanti. Il paziente indossa dispositivi che generano rumore bianco e che assomigliano ad apparecchi acustici. Il volume del rumore bianco viene abbassato nel tempo. Bauman chiama la sua tecnica “mascheramento progressivo inverso” o Terapia di Riabilitazione da Tinnitus.
Il trattamento, che dura fino a 12 mesi, nel 2012 costava 1000 $, più 3.000 $ per i dispositivi uditivi, e non era coperto da assicurazione.
Bauman ha avuto un totale di circa 10 pazienti – un piccolo numero, ammette. Tuttavia ha dichiarato che il trattamento ha avuto “abbastanza successo”.
Ma tra chi ha familiarità con la misofonia, c’è un sacco di disaccordo su ciò che è la misofonia, e sul modo – se esiste – d’essere trattata. Bauman crede che la risposta sia condizionata, o appresa.

Aage R. Moller, un neuroscienziato presso l’Università del Texas, a Dallas, che si specializza nel sistema nervoso uditivo, crede che la risposta sia congenita, come l’uso preponderante della mano destra o sinistra. C’è qualcosa di sbagliato nelle strutture cerebrali superiori che si occupano del suono elaborato, ha detto.
“Sono abbastanza pessimista su questi tipi di trattamenti”, ha detto Moller.
Un altro audiologo che ha offerto una tecnica simile, è Marsha Johnson di Portland, Oregon, che ha studiato i pazienti misofonici per 15 anni. Lei ha considerato la terapia del suono con tali dispositivi di rumore bianco, un mezzo per gestire o affrontare la condizione.
“Usare il suono come terapia è come usare gli occhiali”, ha detto. “Non ho ancora trovato alcuna persistenza dell’effetto.” In generale, “la gente fa meglio a praticare la terapia del suono che non praticarla affatto. Ma una volta che tolgo i miei occhiali, non riesco ancora a vedere.”

Il successo a lungo termine della terapia del suono è sconosciuta. Uno dei pazienti di Bauman, una studentessa della Central Connecticut State University, che ha chiesto l’anonimato perché ha nascosto la sua condizione a tutti i suoi amici più stretti, è stata in trattamento per circa sei mesi. La sua misofonia è iniziata alle elementari, con una “rabbia anormale” quando udiva il suono della matita che i suoi compagni di classe producevano. “Mi sento come se avessi bisogno di lasciare la stanza o fare qualcosa di violento”, ha detto. Più tardi, sono diventati un problema anche i suoni relativi alla masticazione.
“Non sapevo cosa fosse”, ha detto. “Ho pensato che si trattasse di una cosa che non sopportavo e che fosse andata storta”. Il rumore bianco copre i suoni scatenanti che la circondano, così può prestare loro meno attenzione. “Riesco ad affrontare le giornate più di quanto mi aspettassi,” ha detto, “non perfettamente, ma è un miglioramento”.
Ma Kim Wolf, che vive nella Hudson Valley di New York, ha cercato generatori di rumore simili da un audiologo diverso. Ha scoperto che il rumore maschera suoni deboli come quello delle penne a scatto, ma non quelli più forti e più duri come la tosse e lo schiarimento della gola.
Con la capacità di ascoltare i suoni di innesco attraverso il rumore bianco, “mi sento ancora più nervoso”, ha detto Wolf. Lei ha abbandonato i dispositivi. Wolf, che opera nel settore del benessere degli animali, affronta i suoni ineludibili indossando tappi per le orecchie o ascoltando musica ad alto volume attraverso le cuffie. “Sono una persona molto socievole”, ha detto Wolf, che lotta per mantenere la calma sul posto di lavoro. “E per via del disturbo sto cercando di essere un eremita. Mi piacciono le persone, ed è così difficile perché devo evitare i suoni”.

FONTE DELLE INFORMAZIONI:
NewHavenRegister

FONTE DELL’IMMAGINE:
AssociazioneNazionaleEcobiopsiologia

di Monia De Tommaso

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...